Stampa questa pagina

#IoLavoroConLaFotografia, a Piazza del Popolo 'La notte di fotografi'

#IoLavoroConLaFotografia, a Piazza del Popolo 'La notte di fotografi'
I flash dei fotografi romani, in contemporanea con quelli dei fotografi di altre 20 città italiane, hanno illuminato Piazza del Popolo dalle 22,00 alle 22,03 del 21 Luglio 2020 per supportare la campagna nazionale che vede impegnati oltre 10.000 fotografi in tutta Italia.

Anche i fotografi, cerimonialisti, fotogiornalisti, di architettura, documentaristi e di tutti i settori fotografici e di quelli video, hanno aderito alla campagna che da oltre un mese è presente sui social con le foto marcate da una C di Copyright infranta, per denunciare l’appropriazione indebita che si opera sul web delle foto dei professionisti del visivo e accentrare l'attenzione di pubblico e media sulla funzione irrinunciabile della fotografia come mezzo di comunicazione.

A organizzare la singolare protesta che per l'intensità di luci, probabilmente sarà visibile anche dall’atmosfera è Il Coordinamento delle Associazioni di Fotografi Professionisti, che raggruppano oltre diecimila fotografi professionisti in tutta Italia.

Il linguaggio scritto e parlato è usato da chiunque, per comunicare con gli altri; esistono tuttavia professionisti della parola - scrittori, saggisti, poeti, giornalisti, narratori, eccetera - che dedicano al linguaggio tutta la loro vita e la loro competenza. La fotografia ed il video sono divenute mezzi di comunicazione importantissimi per tutti noi, diffusi tanto quanto lo è il linguaggio scritto e parlato; allo stesso modo, esiste un manipolo di professionisti dell’immagine – fotografi, reporter, videomaker, post produttori, eccetera – che vivono del loro lavoro con le immagini – fisse o in movimento.

Anche Agrpress e i suoi fotografi aderiscono a #IoLavoroConLaFotografia, in quanto anche noi condividiamo con tutti la bellezza e l'importanza del linguaggio fotografico, e ricordiamo tre aspetti importanti alla base di questo mondo:

a) Le immagini trovate sul web non sono di tutti: hanno un autore a cui fare riferimento per l'utilizzo.

Le immagini che si trovano in forma “anonima” sul web sono state rese tali da qualcuno che le ha private della corrispondenza con l'autore. Per rispettare le immagini ed i loro creatori, vanno utilizzate solo immagini volontariamente concesse in uso, con licenza Creative Commons o simili.

b) La categoria delle "semplici fotografie" rispetto alle "opere fotografiche" è anacronistica e quindi da eliminare.

La stesura attuale della Legge sul diritto d'autore prevede ancora, per la fotografia, una categoria di “semplici fotografie”, separata dalle immagini creative. Questo genera infinite sterili diatribe. Chiediamo che la fotografia sia giudicata sempre con pari dignità: così come la musica è sempre protetta, non c'è il "semplice motivetto"; la letteratura è sempre protetta, non c’è il "brano insignificante".

Chiediamo che la discriminazione di legge sulle fotografie venga eliminata.

c) La fotografia è una professione e il lavoro di chi produce immagini (fisse o in movimento) deve essere riconosciuto. La visibilità non è merce di scambio.

I professionisti della fotografia vivono del loro lavoro, che va equamente compensato, come tutti i lavori. La promessa di “visibilità” non può essere utilizzata come merce di scambio, giacché rimanda all'infinito il momento del compenso reale.

Pubblicato in Fotografia

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI