Stampa questa pagina

Chiamatemi Mimì di Paolo Logli alla Galleria Sciarra

Chiamatemi Mimì di Paolo Logli alla Galleria Sciarra
Andrà in scena sabato 19 settembre 2020 alle ore 20.30 sul Palco Reale della Galleria Sciarra a Roma il monologo musicale di Paolo Logli “Chiamatemi Mimì”, con Claudia Campagnola e Marco Morandi.

«Sono anni che ho in mente di realizzare questo lavoro, anche se non sono il primo a scrivere di Mimì. Ma ho sempre pensato che quello strano mix tra dolcezza e rabbia, tra grinta ed insicurezza, che ho conosciuto in Mia Martini dovesse essere raccontato. Ho conosciuto Mimì a Sanremo, l’anno di Almeno tu nell’universo, era il 1992. L’ho conosciuta, per così dire, su un crinale della sua vita, in equilibrio tra un periodo molto buio, figlio della meschinità della gente e di alcuni colleghi, e la sua voglia di ripartire, di gridare, di riprendersi quello che era suo di diritto. Ai tempi lavoravo ad Uno Mattina, e curavo la pagina musicale. Era il periodo dei primi videoclip italiani, e decidemmo di realizzarne uno ad hoc per la trasmissione, anche perché Mimì non ne aveva uno. Girammo a Roma, tra Caffè Greco, via dei Condotti, Circo Massimo, ed ebbi il privilegio di passare qualche giornata insieme a lei. Sul set capitano i momenti di attesa, e riuscimmo a scambiare qual- che parola e qualche piccolo racconto. Mi colpì la sua malinconia sotterranea, e quella sua risata che scoppiava improvvisa, senza preavviso. Tutto questo è finito nel testo. Non posso dire di averla conosciuta approfonditamente, ma di certo di quei giorni ricordo alcune frasi, alcune espressioni degli occhi, che ho conservato: i suoi erano gli occhi di una pantera ferita. Mimì era una donna con una grinta d’acciaio, attraverso la quale trapelava un grande dolore. In parte antico, starei per dire genetico. In parte, di certo, nato nei suoi rapporti travagliati con gli uomini della sua vita. E’ come se ci fosse una somma di ferite, che messe insieme non fanno mai una ferita grossa. Quella grossa sta probabilmente nel cuore, è segreta, e possiamo solo intuirla. E in superficie, alla vista di tutti, c’è quella immonda campagna denigratoria che alcuni, che hanno nomi e cognomi, hanno imbastito contro di lei. Non sono nuovo al monologo ed in particolare a quello musicale, ma questo ha per me un motivo di emozione in più: Chiamatemi Mimì, infatti, è un percorso intimo, privato, che va dal sussurro del ricordo condiviso con pudore, al grido, alla rabbia, alla voglia di riscatto… e alla rassegnazione, anche, in alcuni momenti. Ed è il mio personale atto di amore per la più grande interprete italiana di tutti i tempi. Infine voglio dire che è bello lavorare con Claudia e Marco. Ci abbiamo provato già altre volte: con Claudia abbiamo messo in scena “Un attimo prima” lo scorso anno, e comincio a conoscere davvero bene le sue corde e le sue possibilità, che sono tante. È come suonare una bella chitarra, dalle corde morbi- de e sonore: un piacere. Con Marco ce la facciamo finalmente, dopo molti tentativi. Lasciatemi dire che ha un grande coraggio e una bella sicurezza dei suoi mezzi di grande artista: ha osato là dove molte sue colleghe hanno avuto paura, e lo ha fatto mettendo in campo tutto il suo spirito delicato e la sua sapienza armonica. Sarà di certo una bella sorpresa emozionante per tutti. Anche perché sono convinto che sia bello sentire come quei brani storici, quelle canzoni di Mimì vengano cantate da un uomo» (Paolo Logli)

Un percorso intimo, privato, sussurrato sul filo dei ricordi d’infanzia e dei batticuore e delle pazzie della giovinezza. Ma anche a tratti, l’urlo lacerante del dolore di una donna che è stata in grado di donarci alcune fra le più intense interpretazioni degli ultimi decenni.

Mia Martini (1947-1995), prima ancora che una fra le più grandi artiste italiane, è una icona di donna. Una pantera sul palco, nel modo di azzannare la vita, nella sfrontatezza orgogliosa con cui ha ostentato la sua libertà umana ed anche sessuale, ma insieme “capro sacrificale”, vittima designata. Vittima dell’amore, degli uomini. Di incontri sbagliati, tanto sbagliati che ogni tanto viene la voglia di chiedersi se non sia lei, quella sbagliata. Vittima di un dolore antico, che affonda le radici nell’ infanzia, e lascia cadere le sue ombre sulla sua maturità, e sulla sua fine.

Chiamatemi Mimì è il racconto di quelle canzoni immortali che sono nel cuore di tutti noi (da Piccolo Uomo a Minuetto, da La costruzione di un amore ad Almeno tu nell’universo), viste come tappe di una vicenda umana prima ancora che di una carriera canora. Mimì donna ferita, Mimì donna orgogliosa, Mimì vittima di indecenti maldicenze, additata come porta jella, uccisa professionalmente dalle malelingue. Mimì che si ribella sul palco di Sanremo, cantando tutto il suo dolore e la sua rabbia, e neppure quella volta vince. Mimì ed i suoi ricordi d’infanzia, le feste di piazza in Calabria, il primo provino a Milano, gli anni hippy di gioia e di amore libero, a fianco di Renato Zero e di sua sorella Loredana. Mimì come angolino del cuore di ognuno di noi, sulle note di canzoni che nel cuore ci abitano, e non se ne vanno più.

L’intensa recitazione di Claudia Campagnola, in grado di cogliere e far vibrare le più disparate corde dell’animo di Mia Martini, e l’affascinante scelta di affidare le note delle canzoni e il canto stesso ad una voce maschile, quella di Marco Morandi. Un viaggio nell’anima di una signora della canzone, e nei fragili sentimenti di una donna troppo innamorata dell’amore.

 

Mia Martini (nome d’arte di Domenica Rita Adriana Berté, detta “Mimì”) nasce a Bagnara Calabra (RC) il 20 settembre 1947. Il suo album di debutto (Oltre la collina) ed il singolo Padre davvero (il primo inciso come Mia Martini, che vince il Festival di Musica d’Avanguardia e di Nuove Tendenze di Viareggio, e all’epoca censurato dalla Rai perché ritenuto scandaloso) sono considerati fra i migliori lavori italiani mai realizzati. Successi come Piccolo uomoDonna solaMinuettoNotturnoIl guerrieroInnoDonna con teChe vuoi che sia se t’ho aspettato tantoPer amartiLa costruzione di un amore, la consacrano fra le protagoniste della musica italiana degli anni Settanta, decennio in cui raggiunge una grandissima popolarità sia nazionale sia internazionale. È l’unica interprete femminile ad aver vinto due FestivalBar in due anni consecutivi (nel 1972 con Piccolo Uomo e nel 1973 con Minuetto).

Nel ’77 due incontri molto importanti: quello con il grande Charles Aznavour (1924-2018), sodalizio che culminerà nel gennaio dell’anno seguente con un recital all’Olympia di Parigi; e quello con il cantautore genovese Ivano Fossati, con il quale avvia un sodalizio che culminerà con l'album Danza (1978).

Dopo due interventi alle corde vocali - che modificano la sua timbrica vocale - torna sulle scene nel 1981 e l’anno successivo si presenta al Festival di Sanremo con E non finisce mica il cielo, scritta da I. Fossati, e che riceve il Premio della Critica, istituito proprio in quell’anno per la sua intensa performance e che, a partire dal 1996, verrà intitolato a lei, divenendo il Premio “Mia Martini”.

Nel 1983 si ritira dalle scene a causa di una maldicenza - tanto ignobile quanto demenziale - che la terrà fuori dai riflettori per circa sei anni, fino a quando, nel 1989, torna sul palco di Sanremo con la celeberrima Almeno tu nell’universo, che la riporta al successo. Questi sono anni di grandi collaborazioni e contraddistinti da canzoni come Gli uomini non cambianoLa nevicata del ’56 e la celebre Cu’mme, scritta da Roberto Murolo ed Enzo Gragnaniello ed in cui duetta magnificamente con R. Murolo medesimo.

Mia Martini, dotata di una voce in grado di passare con estrema facilità da note passionali a note più dolorose e contraddistinta da fortissima intensità interpretativa (è giustamente considerata come una fra le voci femminili più belle ed espressive della musica leggera italiana di tutti i tempi), muore a Cardano al Campo (VA) il 12 maggio 1995, lasciando un vuoto enorme fra i suoi numerosi fans e nell’intero panorama musicale italiano. Aveva solo quarantasette anni.

 

Claudia Campagnola, romana, si è formata al corso biennale per attori professionisti Teatro Azione diretto da C. Censi e I. Del Bianco presso il Teatro Dei Cocci di Roma ed ha frequentato il corso di alta formazio- ne per Attore Sociale presso il Teatro d’Arte della Toscana, Fondazione Sipario di Cascina (PI) con A. Garzella e F. Cassanelli. È stata diretta da vari registi, fra i quali Massimo Venturiello, Nicola Pistoia, Michele La Ginestra, Stefano Messina, Augusto e Toni Fornari, Tiziana Foschi, Paola Tiziana Cruciani, Norma Martelli, Gigi Pro- ietti, Francesco Zarzana, Guglielmo Ferro. Ha interpretato ruoli in fiction quali Una madre detective, Questa è la mia terra, I Cesaroni. È stata protagonista del cortometraggio Melanzane al cioccolato, diretto da G. Zito e vincitore del premio Impact Audience Award 2004, Los Angeles. Vincitrice del premio “Miglior Monologo Femminile” e “Premio Speciale del pubblico” della Prima Edizione, marzo 2012 del Premio Teatro Traiano di Fiumicino con Flora e li mariti sua. Partecipa, nel giugno 2012, alla rassegna internazionale “Migraction 5” al Theatre de l’Opprimé di Parigi, ed al Premio Fescennino d’Oro XIII edizione con il monologo La Città di Plastica di S. Resta e F: Zarzana, per la regia di Norma Martelli. È stata fra le protagoniste del docu-film scritto e diretto da Francesco Zarzana Tra le onde nel cielo, pellicola proiettata alla sessantanovesima edizione del Festival del Cinema di Cannes, in concorso anche per i premi David di Donatello. Nella stagione teatrale 2019-2020 ha interpretato Fool nel Re Lear di Shakespeare accanto a Giuseppe Pambieri. È stata protagonista del docufilm Vorrei dire ai giovani, Gina Borellini un’eredità di tutti , scritto da Caterina Liotti e Francesco Zarzana e da lui anche diretto, interpretando la partigiana modenese Gina Borellini. Attualmente è in scena con Otto Donne e un mistero di R. Thomas, con Anna Galiena, Paola Gassman e Debora Caprioglio e la regia di G. Ferro.

Marco Morandi nasce come cantante/musicista: conta due partecipazioni al Festival di Sanremo, una con il gruppo Percentonetto, nel 1998, l’altra da solista nel 2002 con il brano Che ne so. Dall’exploit televisivo di fine anni Novanta, dovuto alla sua partecipazione alla trasmissione C’era un ragazzo, in prima serata su Raiuno con il padre Gianni Morandi, Marco prova nuove esperienze: televisione, cinema, fino ad approdare al teatro nel 2004 da protagonista con il Musical Gian Burrasca. Da quel momento è molto attivo nella scena teatrale romana e nazionale con numerosi spettacoli - musicali e non - anche scritti da lui. Da molti anni continua a coltivare la sua passione per il cantautore Rino Gaetano portando in giro per l’Italia la band tributo “Rino Minati”.

 

Chiamatemi Mimì, monologo musicale di Paolo Logli, interpretato da Claudia Campagnola e Marco Morandi, andrà in scena alla Galleria Sciarra sabato 19 settembre 2020.

Pubblicato in Musica

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI