Stampa questa pagina

6 Aprile 2009, il terremoto che devastò L'Aquila

6 Aprile 2009, il terremoto che devastò L'Aquila Foto di Maurizio Riccardi © AGR
Dodici anni fa il terremoto dell’Aquila che causò 309 vittime, oltre 1.600 feriti, 100mila sfollati e danni stimati per oltre miliardi di euro.

L'Aquila ricorda le vittime del sisma che la notte tra il 5 e 6 aprile 2009 colpì il capoluogo d'Abruzzo e altri 56 comuni. Niente fiaccolata per le misure anti-Covid in atto, ma 309 rintocchi di campane e l’accensione di un braciere nei pressi della chiesa, acceso da un vigile del fuoco.

Da mesi la popolazione era allarmata da continue scosse. Dal 6 aprile in poi si susseguono oltre 35mila scosse, una ogni due minuti e mezzo. L’epicentro tra le frazioni di Roio Colle, Genzano di Sassa e Collefracido (località Colle Miruci a Roio), anche se il sisma si sentì in buona parte dell'Italia centrale. Quello dell’Aquila viene registrato come il quinto terremoto più distruttivo in Italia in epoca contemporanea, dopo il terremoto di Messina del 1908, quello di Avezzano del 1915, del Friuli del 1976 e dell'Irpinia del 1980.

Pubblicato in Attualità
Maurizio Riccardi

Sito web: www.maurizioriccardi.it

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.
Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI