Andrea Bocelli di nuovo a Roma per aiutare, col cuore, i piccoli pazienti del Bambino Gesù di Roma

Decine di cuori rossi, portati da giovani ballerini del Balletto di Roma e dalle atlete di ginnastica ritmica della Polisportiva Sempione, hanno invaso la gremita l’aula Paolo VI, in occasione della serata organizzata dalla Segreteria di Stato Vaticana a favore dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma per la nuova Terapia Intensiva Cardiochirurgica. 

bocelli-bambini

Decine di cuori rossi, portati da giovani ballerini del Balletto di Roma e dalle atlete di ginnastica ritmica della Polisportiva Sempione, hanno invaso la gremita l’aula Paolo VI, in occasione della serata organizzata dalla Segreteria di Stato Vaticana a favore dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma per la nuova Terapia Intensiva Cardiochirurgica. Cuori rossi di carta dove su ognuno i bambini avevano scritto un pensiero, un desiderio, quello che ha fatto sorridere di più la platea è stato “Da grande voglio fare il papa”. Ben 9000 le persone presenti. Il cuore quindi è stato il leit motiv della serata presentata da Antonella Clerici, che interpellandosi proprio al cuore del pubblico presente ha proposto, a chi in possesso di un cellulare, di inviare un SMS da due euro a favore dell’iniziativa. La penombra della sala è stata subito illuminata dai cellulari di chi aveva aderito alla proposta. 

La serata è quindi iniziata con l’entrata in sala della Corale Quadriclavio di Bologna e dell’Orchestra sinfonica Rossini di Pesaro.

Protagonista della quarta edizione del concerto solidale “La luce dei bambini” è stato il Maestro Andrea Bocelli, assente dalla scena romana da ben 5 anni, che da sempre impegnato nel sociale, è salito sul palco della sala Paolo VI a titolo gratuito. Il tenore ha intonato alcune tra le pagine sacre più popolari ed intense della storia della musica, dall’Ave Maria di Franz Schubert a quella di Charles Gounod, da un estratto dalla Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini al Panis Angelicus di César Franck. I brani del Maestro sono stati alternati dalle voci di artisti di fama internazionale della musica lirica.

È stato scelto il cuore come simbolo della serata perché in linea con la nuova campagna di comunicazione sociale del Bambino Gesù, l’unico ad avere un reparto intensivo di cardiologia pediatrica del Centro Italia, riconosciuta come area di eccellenza nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale.

E proprio i cuori sono stati gli omaggi per gli ospiti intervenuti, un grande cuore rosso al Maestro Bocelli e due cuori a Sua Eccellenza Mons. Pietro Parolin dopo aver fatto il suo discorso di ringraziamento al pubblico presente e annunciato, a sorpresa dei presenti, la visita che Papa Francesco farà a Dicembre ai piccoli pazienti del Bambino Gesù poco prima del Santo Natale.

In sala erano presenti personaggi del mondo dello spettacolo quali Al Bano e Toni Santagata, personaggi del mondo istituzionale tra cui l’ex presidente del Senato Renato Schifani, le rappresentanze delle varie Ambasciate presenti in Italia, i rappresentanti degli sponsor e rappresentanti ecclesiastici tra i quali non poteva mancare il cardinale Tarcisio Bertone, predecessore di Mons. Parolin e il sostituto mons. Angelo Becciu, il Cardinale Andrea Cordero Lanza di Montezemolo e altri.

Il concerto "La Luce dei bambini" 2013 è stato realizzato grazie al sostegno di Pirelli, Gruppo Scarpellini, GreenNetwork, Università Niccolò Cusano e Marsh SpA, già al fianco dell'Ospedale nella campagna di comunicazione sociale "Mettici il cuore".

Di Monica Palermo

Pubblicato in Musica

Fotonews

Paillettes sorridenti

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI