La personale esperienza di Ippolita Santarelli con i Depeche Mode in Behind the whell

La personale esperienza di Ippolita Santarelli con i Depeche Mode in Behind the whell
Era il 1987 ed i Depeche Mode sceglievano l’Italia per registrare uno dei loro video musicali più articolati e suggestivi: Behind the whell.

Il video è stato diretto da Anton Corbjin, uno dei maggiori fotografi e registi nell’ambito del settore musicale e non solo.

Il video, interamente in bianco e nero, è pieno di riferimenti all’Italia e si apre con Dave Gahan in aperta campagna e con le stampelle. Dave Sembra perso, soprattutto emotivamente, e in difficoltà, come se cercasse un qualcosa che lo svegliasse dal torpore in cui è caduto, fin quando non arriva una donna in vespa, la cui bellezza raffinata, affiancata alle suggestioni del video, sembrano quasi ricordare alcuni quadri di hopper, con la presenza di donne combattute fra desolate campagne, stanze d’albergo e solitudine.

La donna che appare in Behind the whell è Ippolita Santarelli, modella romana, che nel pieno della popolarità dei Depeche Mode lavorò fianco a fianco di Dave Gahan, che oggi possiamo considerare una delle massime espressioni musicali degli anni ’80. Oggi la incontriamo per porle delle domande e cercare di rievocare i ricordi di quei giorni.

Qual è il tuo personale ricordo di quell'esperienza e di Dave Gahan?

Il mio personale ricordo è soprattutto relativo alla loro semplicità, sono persone carinissime e gentilissime, erano molto attenti alle mie esigenze. Per quanto riguarda, invece, i rapporti fra di noi oltre le ore di lavoro tieni presente che come professionisti noi al di fuori del set non abbiamo avuto nessun contatto, ci incontravamo per lavorare e ci salutavamo finito di girare le scene. Non siamo mai nemmeno stati a cena fuori una sera.

Quale è stato il ruolo di Dave Gahan nella scelta della protagonista del video?

Il ruolo di Dave nella mia scelta non posso saperlo, so che avevano bisogno di una modella che ricordasse il modello della donna tipicamente Italiana (tipo la Loren) e che sapesse guidare bene il vespone ed io avevo questi requisiti, se poi sia stato Dave, o il regista a scegliermi, o magari entrambi non saprei dirtelo.

Behind the whell è una delle canzone più apprezzate e conosciute, qual è stata la tua sensazione nel fare parte di un progetto destinato ad entrare nella storia della musica internazionale?

Devo confessarti che quando mi chiesero di fare il provino io quasi non li conoscevo, non era un gruppo che mi piacesse in modo particolare, ma dopo l'uscita del video ho cominciato a conoscerli ed apprezzarli, arrivando anche a comprendere benissimo il perché del loro successo.

Quanto tempo avete impiegato per produrre Behind the whell ed in quale parte d’Italia è stato registrato?

Per girare il video siamo stati quattro giorni a Milano, ma giravamo nelle campagne vicino al lago, non saprei dirti bene se Como o altro, a Roma altri tre giorni, per l'esattezza a Santa Maria di Galeria

I Depeche Mode nel 1987, anno di uscita del singolo Behind the whell, erano al massimo della loro popolarità, lavorare con loro ti ha agevolato nel tuo personale percorso professionale?

È stata una bella esperienza, ma non ha portato nessun giovamento se non quello che sto raccogliendo ora dopo oltre venti anni, con i fans dei Depeche Mode che mi ricercano come se fossi un personaggio. Non lo avrei mai creduto tutto ciò se me lo avessero detto allora, ma è stata una sorpresa fantastica scoprire che in qualche modo sono riuscita ad entrare nei cuori di alcuni e magari ad accaparrarmi un pizzico di eternità grazie a questo video che credo entrerà nella storia della musica, perché è bellissimo a prescindere da me.

Oggi di cosa ti occupi?

Oggi sono una normalissima cinquanteenne che non lavora più nello spettacolo, se non saltuariamente. Nell’ambito dell’esperienza che feci con i Depeche Mode, mi preme ribadirlo, sono felicissima dell’affetto che mi mostrano i fans dei Depeche, i quali mi riempiono di gioia come poche cose al mondo.

Antonio Marchetta

{media load=media,id=37,width=400,display=link,list_item_heading=4} 

Pubblicato in Musica

Fotonews

Ucraina: da Roma le cliniche mobili della Cri