Coronavirus nella stampa internazionale - Dal caso Nerola al ritorno degli animali selvatici

Coronavirus nella stampa internazionale - Dal caso Nerola al ritorno degli animali selvatici
Dal caso Nerola, il piccolo paese del Lazio protagonista nel mondo, fino agli animali selvatici che si stanno riprendendo gli spazi lasciati liberi dagli uomini rinchiusi nelle proprie case. Ecco una piccola selezione di notizie e approfondimenti su Covid 19 provenienti da fonti autorevoli nella settimana appena conclusa.

- In questa settimana il piccolo paese di Nerola, nel Lazio, si è trovato addosso gli occhi di buona parte della stampa internazionale. Il motivo? Nerola si è trasformato in una sorta di laboratorio dove si stanno testando simultaneamente varie strategie per il contenimento della pandemia. Ecco qui una piccola selezione di articoli dedicati al “Caso Nerola”.

- Parallelamente ai danni umani, sociali ed economici l'epidemia sta facendo esplodere fenomeni di razzismo in tutto il mondo, declinati in forme diverse in funzione della regione. La rivista Nature lancia un duro attacco ai tanti politici, come Trump e Bolsonaro, che hanno voluto dare una forte connotazione regionale alla nuova epidemia chiamandola a più riprese il Virus cinese. Un fenomeno che avrebbe in qualche modo giustificato aziende e istituzioni a isolare i tanti cinesi ospiti. In India si assiste a gravi fenomeni di violenza ai danni delle comunità musulmane accusate di propagare il virus. Tanto che su Twitter hanno preso sempre più piede gli ashtag #CoronaJihad e #CoronaTerrorist.

- C'è chi lo sta già ribattezzando il virus delle disuguaglianze, Covid19 sta mettendo in ginocchio le economie anche dei paesi più ricchi allargando la divisione sociale tra le fasce agiate e quelle al limite della povertà. A fare un'istantanea di quel che sta già accadendo negli Usa è un articolo del Guardian. Un giornale locale di San Antonio mostra invece l'incredibile fotografia di migliaia di auto in coda per la distribuzione gratuita di cibo. Se non rispondiamo a questa crisi economica le conseguenze del coronavirus saranno ancora peggiori, spiega American Scientific: se non usciamo dalla crisi il sistema sanitario andrà al collasso portando a danni ancora maggiori. Ma servirà grande attenzione nella scelta della strada da intraprendere, secondo il noto sociologo Evgeny Morozov il rischio concreto è quello di cadere tra le braccia dei totalitarismi. Intanto Google e Apple annunciano una rara (e temibile) alleanza per il cosiddetto contact-tracing. Un monitoraggio costante che potrebbe coinvolgere ben 3 miliardi di persone.

- Con gli umani chiusi dentro le case la natura riscopre spazi da cui era stata di fatto allontanata. Bloomberg pubblica una serie di scatti da tutto il mondo: dalle vacche a passeggio per le bianche spiagge della Corsica, a un giovane puma tra le strade della capitale del Cile, passando tra un pavone a Dubai e le volpi a Londra. 

- In tanti propongono si seguire il modello di contenimento seguito ad Hong Kong, ecco qui i video e racconti di una inviata della CNN che dopo esser stata a contatto con un contagiato ha dovuto vivere sulla sua pelle l'esperienza dei campi di isolamento statali.

- Anche il mondo della ricerca scientifica di base si trova a confrontarsi con il coronavirus. Il New York Times dedica un articolo su come il nuovo virus ha rischiato di far saltare uno dei maggiori esperimenti che dovranno partire a breve nei laboratori italiani del Gran Sasso per la ricerca della materia oscura. Intanto il Cern ha deciso di dirottare buona parte delle sue forze, migliaia di ricercatori provenienti da tutto il mondo e potentissimi calcolatori, per cercare nuovi strumenti e soluzioni per la lotta al virus.

ScienceItaly (www.scienceitaly.com) raccoglie una selezione di fatti, notizie e voci autorevoli di tutto il mondo sulla pandemia COVID-19. Uno strumento nato per mettere a disposizione di tutti il meglio delle informazioni scientifiche e offrire un riferimento nel mezzo dell'infodemia.

Pubblicato in Scienza

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI