Fisica, scoperte nuove particelle elementari

Fisica, scoperte nuove particelle elementari
Due ricercatori del dipartimento di Fisica dell’Università di Bari hanno scoperto 5 nuove particelle elementari.

Questa scoperta fatta da Antimo Palano e Marco Pappagallo permetterà di comprendere la natura dell’Universo oscura e potranno avere applicazioni tecnologiche in ambito medico.

Le particelle elementari OmegaC sono state scoperte analizzando dei dati raccolti dal 2011 al 2015 da Lhcb, uno dei grandi esperimenti in corso all’acceleratore del Cern di Ginevra.

 

Adesso le particelle permetteranno di scoprire e saperne di più sulla materia e sull’energia oscura che costituiscono il 95% dell’Universo.

Pubblicato in Scienza

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI