Occhi al cielo nella serata del 30 Giugno, Giove e Venere tornano a “parlarsi”

Occhi al cielo nella serata del 30 Giugno, Giove e Venere tornano a “parlarsi”
Da qualche giorno, verso l’ora del tramonto, il cielo sta mostrando un fenomeno al quanto suggestivo, visibile semplicemente ad occhio nudo.

Un incontro particolare tra due pianeti: Giove e Venere. Un lento allineamento, ogni sera sempre più vicino, che fa sembrare i rispettivi pianeti due stelle quasi attaccate fra di loro. In particolare, stasera 30 giugno dall’ora del tramonto fino alle 22 e 30 Giove e Venere si troveranno alla minima distanza, lontani tra loro solo un terzo di grado.
La congiunzione planetaria più netta del 2015, uno spettacolo a cui tutti potranno assistere senza usare particolari tecniche digitali, ma semplicemente ad occhio nudo. Se invece si vorrà scrutare la fase di Venere e i satelliti di Giove, basterà usare un telescopio a basso ingrandimento. Questa serie di congiunzioni potrebbero essere riportate, secondo alcuni esperti, al fenomeno seguito dai Magi e citato nel Vangelo di Matteo.
In realtà i due pianeti torneranno quasi a “parlarsi” il prossimo 26 ottobre 2015 in mattinata, ma non così direttamente vicini. Quella di oggi sarà la seconda di tre congiunzioni, la prima avvenne nell’agosto 2014 ma anche in quel caso non fu così vicina.
Bisogna però sottolineare che la vicinanza visibile ad occhio nudo, in realtà nasconde una lunga distanza tra i due corpi celesti presi in esame e la Terra: Venere dista circa 80 milioni di chilometri mentre Giove è lontano 904 milioni di km.
Questa sera occhi al cielo e sguardo fisso all’allineamento dei due pianeti, sicuramente lo spettacolo non mancherà e la curiosità è già alle “stelle”.

Pubblicato in Scienza
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.

Fotonews

Camera ardente David Sassoli

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI