Anche il Giro d’Italia si piega al Covid-19

Gino Bartali e Fausto Coppi Gino Bartali e Fausto Coppi Foto Carlo Riccardi © Archivio Riccardi
Rcs Sport ha rinviato la partenza della corsa rosa, inizialmente prevista per il 9 maggio da Budapest.

La nuova data sarà annunciata “non prima del 3 aprile quando termineranno le disposizioni previste dal D.P.C.M. del 4 marzo 2020 e dopo che l'organizzazione si sarà confrontata con il Governo, gli Enti locali e territoriali e le Istituzioni sportive italiane e internazionali”. Un rinvio che sa di addio: l’obiettivo di recuperare la corsa in qualche altro momento della stagione appare al momento un’utopia, visto l’affollamento del calendario. Tre settimane libere, in qualche altro angolo della stagione, non ci sono. Solo le due guerre mondiali avevano finora fermato il Giro.

L'ultima edizione non disputata risale al 1945.

Pubblicato in Sport

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI