Iniziato il Longines Global Champions Tour di Roma

Daniele Frongia e Jan Tops Daniele Frongia e Jan Tops
L'Assessore allo Sport di Roma Capitale Frongia: "Una festa per la città".
Con la prima giornata di gare si è aperta ufficialmente allo Stadio dei Marmi "Pietro Mennea" la quinta edizione romana del Longines Global Champions Tour. Ad aprire la manifestazione nella mattinata l’Assessore Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi cittadini di Roma Capitale Daniele Frongia, ricevuto dal fondatore e Presidente del Global Champions Tour Jan Tops – oro olimpico a Barcellona 1992, una delle leggende dell’equitazione che nel 2006 ha realizzato il suo sogno dando vita alla “Formula 1 dell’equitazione” -, dall’Event Director del Circuito Marco Danese e dalla coordinatrice italiana del Longines Global Champions Tour Eleonora Di Giuseppe.
 
L’Assessore è stato accompagnato a visitare il campo gara e le aree allestite per le diverse iniziative in programma. Al termine delle foto di rito insieme ai vertici organizzativi, Fongia ha confermato il sostegno della Giunta Capitolina alla manifestazione: “Sono già diversi anni che seguiamo con grande attenzione questo evento di altissimo livello sia dal punto di vista competitivo sia per tutte le iniziative che gli organizzatori, bravissimi, hanno messo in campo in ambito sociale: ingresso gratuito per tutti, percorsi ludico-didattici per ragazzi normodotati o disabili, ippoterapia, poi ci sarà il carosello, gli scultori, i pittori. Una festa per la città. Proprio pochi minuti fa stavamo lavorando con i vertici internazionali dell’evento, qualche pensiero per i prossimi anni sempre nell’ottica dell’avvicinamento dello sport alla cittadinanza”. 
 
Tre categorie a 2 stelle, targate Premium Mares, hanno dato il via alla quinta edizione del Longines Global Champions Tour di Roma. Nella categoria “big” di altezza 1 metro e 40 il migliore degli italiani è risultato il carabiniere scelto Filippo Bologni che in sella allo stallone Sedik Milano Quidich De La Chavee ha conquistato la piazza d’onore della categoria di altezza 1 metro 40 in 35”58 alle spalle dell’americana Giavanna Rinaldi su Concuela, che ha terminato nel tempo di 34”75 la seconda fase. Ad un soffio dalla vittoria anche Eugenio Grimaldi (in foto) in sella a Scara Mouche, che nel tempo 33”87 in seconda fase staccato per 30 decimi di secondo dall’inglese Nicola Wilson sulla baia Naomi di dodici anni. Una tripletta francese ha infine contraddistinto la categoria di altezza 1 metro e 15 a fasi consecutive, grazie a Vincent Bartin in sella a Caramba du Ruisseau Z, seguito dai connazionali Juris Tamsson e Serge Varsano.
Pubblicato in Sport

Fotonews

Premio Guido Carli 2021

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI