L’Italia mantiene il primato del girone H, battuta la Bulgaria 1 a 0

L’Italia mantiene il primato del girone H, battuta la Bulgaria 1 a 0
Al Renzo Barbera di Palermo una buona Italia batte senza troppe difficoltà la Bulgaria eliminata ormai dalla lotta per un posto agli Europei del 2016.

PRESTAZIONE – Gli azzurri scendono in campo esattamente al contrario della partita giocata, tre giorni fa, contro Malta. Più aggressivi e vivaci sul piano del gioco, trovando da subito la rete del vantaggio. Nel primo tempo la nazionale italiana crea molto non riuscendo però a concretizzare le ottime occasioni da gol capitate sui piedi degli attaccanti. Nel secondo tempo ottimo controllo della palla, con meno chance di battere a rete, dovute anche all’unica pecca della serata: espulsione di De Rossi, autore del gol azzurro, per un fallo di reazione dopo una ginocchiata e pestone subiti dallo stesso centrocampista azzurro. Sul finire di gara cala l’intensità sia sul piano fisico che a livello di gioco. L'Italia porta a casa i tre punti anche se a livello di cinicità e cattiveria sotto porta deve ancora lavorare per arrivare a giocare un Europeo da protagonista.

PARTITA – Azzurri subito pericolosi dopo appena due minuti di gara: Pellé raccoglie una palla in area di rigore e spara in porta di piatto trovando il riflesso del portiere bulgaro, sulla ribattuta c’è El Shaarawy, rovesciata e palla alta sopra la traversa. Passano tre minuti e l’Italia trova il vantaggio: al 5’ Candreva, con un guizzo, ruba palla in area di rigore e viene steso, per l’arbitro è calcio di rigore. Sulla battuta va De Rossi a cui viene annullata la prima trasformazione a causa di alcuni giocatori in area. Il centrocampista non demorde e trasforma anche il secondo, questa volta giustamente convalidato, 1 a 0.
L’Italia gestisce ottimamente il possesso di palla ma al 18’ regala l’unica vera occasione della serata bulgara: De Rossi perde palla a centrocampo innescando il contropiede condotto da Micanski che si fa 30 metri con la palla al piede e calcia all’angolino destro trovando però un super Buffon che devia la palla in angolo. Gli azzurri si rifanno sotto: De Sciglio e Candreva sfiorano il raddoppio, ma l’occasione per chiudere la partita capita al 45’ sui piedi di Parolo che calcia a botta sicura trovando il muro di un difensore bulgaro, si va al riposo dopo un buon primo tempo giocato dagli azzurri.
Ad inizio ripresa il monologo non cambia, è sempre l’Italia, con il centrocampista laziale, ad andare vicino alla rete con un tiro deviato prima dalla difesa e poi dal portiere in calcio d’angolo. Al 55’ black-out di De Rossi che subisce un brutto fallo da Micanski ma reagisce con un calcio da terra, espulsione per entrambi e gara macchiata per il centrocampista giallorosso. Gli azzurri non subiscono nessun contraccolpo psicologico e continuano a produrre opportunità da gol. Il più pericoloso è sempre El Shaarawy, autore di un’ottima prestazione assieme al centrocampista Verratti. L’ex attaccante milanista si fa intercettare un tiro destinato in rete dopo un passaggio filtrate di Candreva, poi al 66’, dopo una bella discesa, prova a piazzare un tiro a giro neutralizzato ancora una volta da un ottimo Mitrev.
Negli ultimi venti minuti di gara cala il ritmo di gioco, dovuto anche dalla stanchezza dei giocatori italiani che non hanno più la freschezza e lucidità per effettuare delle ripartenze d’attacco. La Bulgaria rimane a guardare senza creare troppi pericoli, ma ha un’altra grande chance proprio al primo minuto di recupero, con un sinistro secco da fuori area da parte di Milanov deviato in angolo da un attento Buffon. Negli altri tre minuti di gioco non succede più nulla, e l’Italia può festeggiare i 6 punti maturati nelle due partite di Settembre.

CLASSIFICA – La Bulgaria con la sconfitta di questa sera viene definitivamente eliminata anche dagli eventuali spareggi della terza classificata, aspettando la sentenza finale sulla penalizzazione croata. La Croazia ferma a 14 punti subisce, fuori casa, un pesante 3 a 0 dalla Norvegia che balza con 16 punti al secondo posto in classifica a due punti dall’Italia. Gli azzurri con la vittoria sui bulgari si riprendono il primato occupato momentaneamente dalla Norvegia. Ora a 18 punti comandano il girone H in vista delle qualificazioni agli Europei del 2016. Importanti e decisive saranno le gare finali di Ottobre contro Azerbaigian (fuori casa) e Norvegia in casa a Roma.




Pubblicato in Sport
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.

Fotonews

Camera ardente David Sassoli

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI