La Lazio espugna Marassi, battuta la Sampdoria

La Lazio espugna Marassi, battuta la Sampdoria
Pubblico delle grandi occasioni a Marassi, per un “match europeo”.

I blucerchiati, grazie anche alla sconfitta interista, potrebbero fare un passo decisivo per la lotta all’Europa League. Dall’altra parte la Lazio cerca la vittoria per continuare a tallonare i giallorossi fino allo scontro del derby, che potrebbe sancire il secondo posto di questo campionato.

Primo tempo all’insegna della paura. La posta in palio è alta e le due squadre non osano esporsi più di tanto. Poche giocate d’attacco da ambo le parti, scarseggiano anche le conclusioni in porta. Alla mezz’ora due scosse nell’arco di pochi minuti. La prima da parte dei biancocelesti che in contropiede non riescono a battere a rete per questioni di centimetri. Sul ribaltamento dell’azione Soriano, dal lato destro dell’area di rigore, manca il gol con un diagonale che termina sul fondo.
La Lazio prova ad attaccare dalle fasce, con cross bassi ma senza incidere troppo. Al 43’ De Silvestri di forza e velocità entra in area e mette sul dischetto una palla tesa, Obiang è solo e a porta sguarnita calcia alto.
Si chiude così un primo tempo tirato e reti bianche. Le squadre si studiano a dovere regalando poche emozioni.
Il secondo tempo è da subito un’altra musica. Eto’o strozza l’urlo al gol dei tifosi sampdoriani. Mette a terra Berisha e poi calcia fuori un gol fatto.
Poi Il destino a volte bussa alla porta. Al 53’ Gentiletti, nello stadio del brutto infortunio di sei mesi fa, mette a segno il vantaggio laziale. Cross da calcio d’angolo e tocco sporco del difensore, che sigla la rete dell’ 1 a 0.
Gli ospiti entrano del tutto in partita e cercando il raddoppio con Candreva, due siluri di poco fuori. La Sampdoria esce di scena, faticando nelle ripartenza e subendo la velocità di Felipe Anderson.
Al 70’ ennesimo contropiede della Lazio, quattro contro due, ma Djordjevic centra in pieno un difensore avversario invece di concludere a rete.
La Sampdoria, stanca, non trova più la freschezza per provare ad attaccare la porta laziale. Parolo da fuori area sfiora il doppio vantaggio, poi i biancocelesti addormentano la partita fino al triplice fischio finale.
I padroni di casa dovranno lottare nelle ultime due partite per l’accesso ai preliminari di Europa League. La Lazio, aspettando Roma- Udinese, si riprende il secondo posto in classifica ed è pronta a giocarsi la finale di Coppa Italia all’Olimpico contro la Juventus. Il derby sarà un vero e proprio scontro Champions League.

SAMPDORIA – LAZIO 0 a 1
(Primo tempo 0 a 0)

MARCATORI: 54’ Gentiletti (L)

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; De Silvestri, Romagnoli, Silvestre, Regini; Obiang, Palombo (81’ Okaka), Acquah (62’ Rizzo); Soriano; Eto'o (61’ Bergessio), Muriel.  Allenatore: Mihajlovic.

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, Gentiletti (76’ De Vrij), Ciani, Radu; Parolo, Ledesma, Lulic; Candreva (84’ Mauri), Klose (70’ Djordjevic), Anderson.  Allenatore: Pioli.

ARBITRO: Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo

NOTE – Ammoniti: 16’ Palombo (S), 40’ Silvestre (S)

Pubblicato in Sport
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI