Le Olimpiadi Invernali 2026 assegnate a Milano-Cortina

Le Olimpiadi Invernali 2026 assegnate a Milano-Cortina Immagine ufficiale Olimpiadi Invernali 2026 Milano-Cortina
Il Cio, Comitato Olimpico Internazionale, ha assegnato a Milano-Cortina le Olimpiadi Invernali del 2026.

Si è tenuta lunedì 24 giugno 2019 a Losanna, l’assegnazione da parte del Comitato Olimpico Internazionale delle Olimpiadi Invernali del 2026. Le due nazioni candidate erano l’Italia con Milano-Cortina e la Svezia con Stoccolma-Aare.

Alla fine ad esultare è l’Italia dopo che il presidente del Cio Thomas Bach ha annunciato la vittoria azzurra, con l’Italia che si prende una rivincita contro la Svezia che nel 2018 eliminò e non fece partecipare la Nazionale Italiana di calcio ai mondiali di Russia.

La vittoria azzurra a Losanna è arrivata con 47 voti favorevoli contro i 34 per Stoccolma-Aare, un solo astenuto. La decisione del Cio è stata presa al primo scrutinio perché è stato raggiunto immediatamente il quorum di 42 voti

Milano-Cortina sarà la quarta Olimpiade organizzata in Italia dopo Cortina 1956, Roma 1960 e Torino 2006.

Mentre a Cortina suonavano le campane e veniva cantato l’inno italiano in segno di giubilo, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha dichiarato: “Sono molto emozionato, è un risultato molto, molto importante l'intera nazione. Sono davvero orgoglioso di questa squadra che abbiamo creato tutti insieme senza differenze di colore politico. All'inizio è stato complicato individuare i nostri punti di forza, la nostra candidatura era peculiare. Contemporaneamente devo dire che grazie ai pionieri di questa avventura abbiamo raggiunto questo traguardo. Grazie ad un fantastico presidente della Repubblica Sergio Mattarella che fin dal primo giorno ha dato il suo sostegno. Non ricordo nella mia vita una passione cosi' forte. Vorrei ringraziare i governatori Zaia e Fontana, perche' tutta questa passione non era così ovvia. Una parola infine per il sottosegretario Giorgetti, il cui apporto è stato fin dall'inizio estremamente positivo. La sua complicita' al progetto, anche se all'inizio aveva delle perplessità con il Governo ma è stato in grado di trovare una soluzione affinche' si potesse sostenere il progetto. Grazie a queste fantastiche giovani donne, atlete, sono orgoglioso di Arianna Fontana, Sofia Goggia, Michela Moioli ed Elena Confortola. Hanno rappresentato dal primo giorno l'immagine del nostro paese. Poi in Italia tutti, anche i media, sono tutti stati a sostegno della nostra candidatura. Ho aspettato oggi per dirlo, ma ora posso confermare che mi ricandido alla presidenza del Coni. Se avessimo perso sarebbe stato giusto che qualcuno mi sostituisse. Ma abbiamo fatto un lavoro formidabile e questa vittoria la dedico al Comitato olimpico italiano”.

Felice anche la campionessa italiana di sci Sofia Goggia: "Sono veramente contenta, ce la meritavamo tanto come Italia, è un progetto solido e sono orgogliosa di essere qui per dare mio piccolo contributo. Ora sogno Pechino, ma sapere che poi c’è Milano sarebbe un sogno. Anche se sette anni sono lunghi, oggi è un giorno di festa per tutti gli italiani".

Pubblicato in Sport

Fotonews

Green pass, in migliaia a Roma contro l'obbligo

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI