Roma-Juventus, tutto in una notte!

Roma-Juventus, tutto in una notte!
La notte che molti aspettavano è arrivata.

Dopo l'andata burrascosa, con errori arbitrali e tensioni finali alle stelle, all'Olimpico capitolino, si affrontano Roma e Juventus. Rispetto alla gara d'andata le due squadre arrivano all'appuntamento in diverso stile.

I bianconeri hanno dal loro canto, i favori del pronostico e una buona forma fisica, non di certo però perfetta. Rinfrancati dalla vittoria in casa, seppur non netta, ai danni del Borussia Dortmund con risultato di 2 a 1, cercheranno di mettere la parola fine su un campionato che alla lunga ha visto aumentare il distacco tra le due pretendenti al titolo. Nove, i punti in più della Juventus sulla Roma.

I giallorossi non posso avere nel cuore e negli occhi soltanto la rabbia per la partita d'andata. Non provengono da un'ottima fase atletica, tutt'altro. Arrivati stanchi a molti appuntamenti, sia fisicamente che psicologicamente, hanno allontanato definitivamente il sogno di alzare la decima coppa Italia a favore della Fiorentina, avversario che ritroveranno negli ottavi di Europa League. Proprio quest'ultima competizione ha ridato luce a speranze che sembravano perse, con il passaggio del turno sugli olandesi del Feyenoord.

Coppe a parte, il campionato è un'altra cosa e lo sanno bene tutte e due le squadre, che non vogliono deludere i rispettivi tifosi. Lo sanno bene anche i due allenatori, sopratutto quello della Roma. " Lo scudetto? Sono stato colpito da una divinità per superbia - afferma Rudi Garcia - per aver detto dopo la gara d'andata che avremmo vinto lo scudetto". Continua poi nel dire che ormai il destino, anche se dovesse vincere la Roma, non è più nelle loro mani o meglio nei loro piedi.

Sembra essere più sereno invece Massimiliano Allegri, anche al cospetto di qualche piccolo infortuno in rosa. Come detto in precedenza ha un vantaggio di nove punti sull'avversario, e non è poco. Sereno ma sempre attento, evitando ogni calo di concentrazione, anche perché la posta in palio è alta. "Dopo la partita di oggi ci saranno ancora 39 punti in palio - dice l'allenatore bianconero- per la quota scudetto mancano ancora molte partite da giocare e vincere."

Manca davvero poco all'inizio di quello che tutti si augurano sarà un vero e proprio spettacolo di calcio, evitando gesti o comportamenti sgradevoli sugli spalti e non, così come si son visti nella partita d'andata. Il calcio è passione e anche cattiveria, ma soltanto agonistica. Che lo show abbia inizio!


Pubblicato in Sport
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI