Serie A: Ibra miglior attore protagonista, ma il Derby è dell'Inter

Serie A: Ibra miglior attore protagonista, ma il Derby è dell'Inter Pagina ufficiale fb Fc Internazionale
Nella notte degli Oscar, a San Siro alla Scala del Calcio non poteva non andare in scena il Derby della Madonnina simbolo del calcio italiano in tutto il mondo.

Restando in ambito hollywoodiano, The Derby goes to… Inter!. Sono proprio i nerazzurri a vincere il Derby e lo fanno al termine di una partita pazza che il Milan all’intervallo stava vincendo per 2 a 0. Nella stessa serata il pubblico di San Siro ha assistito a ben due partite: quella del primo tempo, dove in campo c’era solo il Milan trascinato dall’intramontabile Zlatan Ibrahimovic (senza alcun dubbio miglior attore protagonista del derby) autore dell’assist per il goal di Rebic che apre l’incontro e della rete (il suo sesto goal ai nerazzurri) che chiude la prima frazione di gioco regalando al Diavolo il doppio vantaggio (in entrambi i goal, colpevole il vice Handanovic assente per infortunio, Daniele Padelli). Inter tramortita da un bellissimo Milan che pressa alto e poi libera le sue bocche da fuoco. La seconda partita è quella della ripresa: dal sesto all’ottavo minuto, l’Inter riapre incredibilmente la partita grazie ad una perla al volo di sinistro di Brozovic e con Vecino che da partente si dimostra pedina importante per Antonio Conte. Milan annichilito che rialza la testa trascinato dal solito Ibrahimovic che su punizione sfiora il colpo grosso, ma al 70esimo su corner Candreva trova la testa di De Vrij che con una magnifica torsione disegna un arcobaleno su cui Donnarumma non può arrivare e fa esplodere di gioia la parte nerazzurra di San Siro. Le emozioni non finiscono qui, infatti nel finale è sempre Ibrahimovic l’ultimo a mollare ma lo svedese di testa colpisce il palo (il terzo dell’incontro dopo quello di Calhanoglu per il Milan e di Eriksen per l’Inter) e nel recupero Lukaku di testa fa partire la festa nerazzurra in anticipo. Apoteosi Inter che vince il Derby in rimonta, supera la Lazio e aggancia la Juventus in vetta alla classifica.  

Juventus raggiunta dall’Inter, causa sconfitta esterna per 2 a 1 in casa del Verona, vera sorpresa del campionato. Partita intensa al Bentegodi con occasioni per entrambe le formazioni con i bianconeri che sfiorando il goal colpendo due legni con Douglas Costa e Cristiano Ronaldo e con i veronesi che il goal lo trovano con Kumbulla ma che viene giustamente annullato per fuorigioco. Primo tempo ricco di emozioni che si moltiplicano nella ripresa con Cristiano Ronaldo che partendo da centrocampo si inventa un goal da fuoriclasse portando in vantaggio i bianconeri che invece di mordere la partita con il vantaggio trovato vanno in blackout. Prima un errore del duo Bentancur-Pjanic spalanca un’autostrada a Borini che davanti a Szczesny non sbaglia pareggiando i conti, poi Bonucci con un tocco di mano regala il rigore al Verona che Pazzini trasforma regalando ai suoi una grande vittoria, e che fa sognare per una clamorosa corsa per un posto in Europa League.

Aria di vertice anche per la Lazio che vince una partita complicata a Parma per 1 a 0. Decisiva la rete di Caicedo, il bomber silenzioso dello spogliatoio biancoceleste che di giustezza, da bomber d’aria di rigore trasforma in ora l’unico pallone giocabile della sua partita. Match non bellissimo con un paio di occasioni sporche per entrambe le compagini, ma in cui brilla la stella di Luis Alberto autore di una prestazione sontuosa. Polemiche del Parma nel post partita, con il tecnico D’Aversa che si lamenta per due calci di rigore non concessi ai suoi (uno, Acerbi-Cornelius sembrerebbe evidente). Con questa vittoria la Lazio si porta a -1 dal duo in testa alla classifica del campionato e domenica all’Olimpico, i biancocelesti ospiteranno l’Inter.

Continua il suo campionato disastroso il Napoli, che cade clamorosamente per 3 a 2 al San Paolo contro un Lecce bello ed organizzato. Primo tempo a tinte azzurre (Insigne colpisce pure un palo) ma alla prima sortita offensiva i salentini vanno in vantaggio con Gianluca Lapadula che insacca dopo un mezzo pasticcio di Ospina. Nella ripresa la partita sembrerebbe svoltare a favore del Napoli, con Milik che finalizza un’azione degna di sarriana memoria, ma è ancora una volta Lapadula su assist delizioso di Falco a riportare il Lecce in vantaggio. All’82esimo arriva pure il 3 a 1 ospite con una perla su punizione di Mancosu e all’alba del recupero Callejon in mezza rovesciata sigla la rete del 2-3 finale.

Crolla, per 2 a 3, la Roma all’Olimpico sotto i colpi del Bologna e Barrow autore di una doppietta. I giallorossi continuano il loro brutto periodo e la dormita di Smalling sul primo vantaggio felsineo targato Orsolini ne è la prova. L’occasione per raddrizzare la partita la Roma l’ottiene grazie all’autogoal di Denswil ma poco dopo Barrow si inventa un gran goal dal nulla, e grazie ad una deviazione, beffa Pau Lopez. Nella ripresa continua il Barrow show, che si libera facilmente di Mancini e segna la sua personale doppietta. Inutile il goal di Mkhitaryan che accorcia le distanze, e ancora meno il fallo di Cristante a piede a martello su Orsolini che costa al centrocampista giallorosso il rosso diretto.

Questi tutti i risultati della 23esima giornata: Roma-Bologna 2-3; Fiorentina-Atalanta 1-2; Torino-Sampdoria 1-3; Verona-Juventus 2-1; Spal-Sassuolo 1-2; Genoa-Cagliari 1-0; Napoli-Lecce 2-3; Brescia-Udinese 1-1; Parma-Lazio 0-1; Inter-Milan 4-2.

Questa la classifica al termine del 23esimo turno: Inter e Juventus 54; Lazio 53; Atalanta 42; Roma 39; Verona 34; Bologna 33; Cagliari, Parma e Milan 32; Napoli 30; Sassuolo 29; Torino 27; Fiorentina e Udinese 25; Sampdoria 23; Lecce 22; Genoa 19; Brescia 16; Spal 15.

Pubblicato in Sport

Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI