Serie A: il Chievo va in Serie B; rinviata la festa scudetto della Juventus

Serie A: il Chievo va in Serie B; rinviata la festa scudetto della Juventus Pagina ufficiale Facebook AS Roma
La 32esima giornata di Serie A, che si concluderà lunedì 15 aprile 2019 con la partita Atalanta-Empoli, ha emesso il primo verdetto del campionato.

Il Chievo Verona è la prima squadra retrocessa in Serie B della stagione di Serie A 2018/2019. I veneti retrocedono nella serie cadetta con ben 5 giornate di anticipo dopo 11 anni consecutivi passati nella massima serie.

Il verdetto per i clivensi è arrivato al termine della partita giocata contro il Napoli, che ha visto i partenopei vincere per 3 a 1. Mattatore di giornata è il difensore azzurro Koulibaly autore di una doppietta nata da sviluppi da corner. Il giocatore senegalese ha prima aperto le marcatore con un perentorio colpo di testa e nella ripresa ha chiuso definitivamente la partita con un bel sinistro siglando il momentaneo 0 a 3 napoletano. Nel mezzo dei due goal di Koulibaly troviamo la 20esima rete stagionale di Milik, mentre sui titoli di coda del match arriva la rete della bandiera di Cesar per il Chievo. Oltre a sancire la retrocessione dei veneti, il Napoli con questa vittoria posticipa la festa scudetto della Juventus che perde per 2 a 1 a Ferrara contro la Spal.

Allegri per la sua Juventus vara un ampio turnover concedendo minutaggio dal primo minuto anche a giovani della Primavera. La squadra risente di tutte le grandi assenze, turnover con fine quarto di finale di ritorno di Champions League, ma trova la rete del momentaneo vantaggio con l’uomo del momento ovvero Moise Kean che di rapina segna il suo sesto goal nelle ultime sei partite. La Spal però reagisce e trova prima il pareggio con un bel colpo di testa di Bonifazi e poi la rete del sorpasso con Sergio Floccari e porta a casa tre punti importantissimi per la salvezza. Alla Juventus, bastava un punto per festeggiare l’ottavo scudetto consecutivo, ma la festa presumibilmente è stata solo rinviata di una settimana mentre martedì 16 aprile si giocherà l’accesso alle semifinali di Champions League, vero obiettivo dei bianconeri.

Consolida il terzo posto l’Inter di Spalletti che vince per 3 a 1 e senza troppi patemi in casa del Frosinone. L’Inter gioca un buon primo tempo e trova due volte la via della rete, prima con un colpo di testa di Nainggolan poi con Perisic che realizza un calcio di rigore fischiato per fallo di Chibsah su Skriniar. Sul finale di tempo Politano ha sul sinistro l’occasione per chiudere la partita ma la spreca a tu per tu con Sportiello. Nella ripresa c’è un moto d’orgoglio dei ciociari che con Cassata trovano la rete che accorcia le distanze, non perfetto Handanovic in questa circostanza. I padroni di casa provano ad alzare i ritmi ma l’unico pericolo corso dai giocatori interisti è una punizione dalla distanza di Ciano. Nel recupero in contropiede Vecino segna il goal della sicurezza nerazzurra.

Resta al quarto posto il Milan che batte per 1 a 0 a San Siro la Lazio. Decisivo il calcio di rigore realizzato da Kessie che permette ai rossoneri di vincere un vero e proprio spareggio per il quarto posto. Partita di sofferenza per il Milan che nel primo tempo soffre molto ed solo uno straordinario Reina a tenere a galla i suoi. Nella ripresa la squadra di Gattuso esce alla distanza e l’ingenuità di Durmisi regala il rigore al Milan. Nel finale la Lazio protesta per un presunto fallo dentro l’area di Rodriguez su Milinkovic-Savic. Brutto il post partita con una rissa e con un comportamento, tutt’altro che sportivo, da parte dei giocatori rossoneri Kessie e Bakayoko nei confronti del difensore laziale Acerbi.

Rimane attaccata al treno per la Champions League la Roma di Ranieri che vince per 1 a 0 all’Olimpico contro l’Udinese grazie alla prima rete casalinga in campionato di Edin Dzeko. Il bosniaco non segnava in Serie A in casa da quasi un anno. La partita giocata sotto una pioggia incessante ha visto la Roma in difficoltà nel primo tempo contro una buona e organizzata Udinese ma nella ripresa gli ingressi di Florenzi e Pellegrini hanno dato una maggiore sicurezza e qualità alla Roma che ha iniziato a creare pericolo alla difesa friulana. Al 67esimo un gran passaggio di El Shaarawy smarca dentro l’area Dzeko che a tu per tu con Musso non può sbagliare. Importantissima la sfida del prossimo turno per i giallorossi che andranno a San Siro contro l’Inter a giocarsi buona fetta del proprio futuro in chiave Champions League.

Questi i risultati delle altre partite: Sassuolo-Parma 0-0, Sampdoria-Genoa 2-0, Torino-Cagliari 1-1, Fiorentina-Bologna 0-0.

Questa la classifica: Juventus 84; Napoli 67; Inter 60; Milan 55; Roma 54; Atalanta 52 (una partita in meno); Torino 50; Lazio 49 (una partita in meno); Sampdoria 48; Fiorentina 40; Sassuolo e Cagliari 37; Parma e Spal 35; Genoa 34; Udinese 32 (una partita in meno); Bologna 31; Empoli 28 (una partita in meno); Frosinone 23; Chievo 11.

Pubblicato in Sport

Fotonews

Green pass, in migliaia a Roma contro l'obbligo

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI