Serie A: la Lazio espugna la Milano rossonera; vergogna razzismo a Verona

Serie A: la Lazio espugna la Milano rossonera; vergogna razzismo a Verona Pagina ufficiale Facebook S.S. Lazio
L’undicesima giornata di Serie A si è conclusa con il big match di San Siro Milan-Lazio.

Prima di passare al resoconto della giornata, vanno condannati i cori razzisti che la tifoseria del Verona ha rivolto a Mario Balotelli. La tifoseria veneta ha già preso provvedimenti verso membri della curva più calda del tifo veronese. 

La sfida del Meazza si è chiusa col risultato di 2 a 1 per i biancocelesti con rete decisiva di Correa arrivata all’83esimo. La partita ha visto un primo tempo molto intenso con occasioni da ambo le parti, con gli ospiti pericolosi più volte con Immobile che dopo aver impegnato Donnarumma e colpito una traversa al 25esimo di testa sigla la rete del vantaggio. Poco dopo però il Milan trova il pareggio grazie ad un autogoal di Bastos. Nella ripresa il ritmo cala, ma sale in cattedra un super Luis Alberto che regala al palcoscenico di San Siro colpi di alta classe fino all’assist decisivo per Correa. Erano trenta anni che la Lazio non vinceva a San Siro contro il Milan.

La giornata 11 del campionato di Serie A si era aperta con il derby del Sole, Roma-Napoli. La partita è terminata 2 a 1 per i giallorossi che sbloccano la partita con Zaniolo al 19esimo. Il Napoli non reagisce e la Roma potrebbe già chiudere nel primo tempo ma dal dischetto Kolarov si fa ipnotizzare da Meret. Nel finale di tempo Milik e Zielinski colgono rispettivamente la traversa ed il palo. Nella ripresa un secondo calcio di rigore viene assegnato alla Roma e stavolta dal dischetto si presenta Veretout che non sbaglia. Poco dopo Kluivert coglie la traversa e non chiude la partita riaperta da Milik al 72esimo. Al 96esimo l’ultima emozione della partita con il rosso sventolato a Cetin.

La Juventus vince anche il derby di Torino, battendo i rivali granata per 1 a 0 con rete decisiva di De Light. Il primo tempo è stato giocato ad armi pari con polemiche granata per un tocco di mano di De Light dentro l’area. Nel finale di tempo sale la Juventus e sfiora il goal ma è super Sirigu a dire di no a De Light. Nella ripresa Sirigu sale in cattedra e difende la porta granata con grandi interventi, soprattutto su Higuain, ma al 70esimo su azione di corner De Light regala i tre punti ai bianconeri.  

L’Inter tiene il ritmo dei bianconeri e a fatica vince a Bologna in rimonta per 2 a 1. Primo tempo pimpante al Dall’Ara, con Sansone che bussa il primo colpo ma Handanovic risponde presente. Lautaro e Lukaku impegnano Skorupski bravissimo a dire di no. Nel secondo tempo la partita si sblocca con Soriano che dalla distanza batte Handanovic. L’Inter cala il ritmo ma al 75esimo pareggia i conti con Lukaku bravo a mettere dentro un pallone respinto da Skorupski (dopo un grandissimo intervento su Skrniar). Nel finale un ingenuo Orsolini commette fallo su Lautaro in area di rigore e dagli 11 metri Lukaku non sbaglia. 

Questi i risultati dell’11esima giornata: Roma-Napoli 2-1; Bologna-Inter 1-2; Torino-Juventus 0-1; Atalanta-Cagliari 0-2; Genoa-Udinese 1-3; Lecce-Sassuolo 2-2; Verona-Brescia 2-1; Fiorentina-Parma 1-1; Milan-Lazio 1-2; Spal-Sampdoria 0-1. 

Questa la classifica aggiornata all’11esimo turno di Serie A: Juventus 29; Inter 28; Roma 22; Atalanta, Lazio e Cagliari 21; Napoli 18; Fiorentina 16; Verona 15; Parma 14; Udinese e Milan 13; Bologna 12; Torino 11; Sassuolo e Lecce 10; Genoa e Sampdoria 8; Brescia e Spal 7. 

Pubblicato in Sport

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI