Serie A: l'Inter sorpassa la Juventus e si prende la testa della classifica

Serie A: l'Inter sorpassa la Juventus e si prende la testa della classifica Pagina ufficiale fb FC Internazionale
La quattordicesima giornata di Serie A si è conclusa con la pirotecnica vittoria del Cagliari per 4 a 3 contro la Sampdoria, che proietta la squadra di Maran al quarto posto. 

Il turno appena concluso di campionato ha cambiato le carte in tavola per quanto riguarda il primo posto: l’Inter di Conte, vincendo per 2 a 1 contro la Spal, si è infatti presa la vetta della classifica a discapito della Juventus che compie, un inatteso, passo falso in casa contro un bel Sassuolo (2 a 2 il risultato finale). 

La Vecchia Signora è caduta nella tela del bel gioco costruita dai neroverdi di De Zerbi, dopo essere passata in vantaggio con un missile di Bonucci ha subito la rimonta degli ospiti. Prima Boga con uno splendido pallonetto beffa Buffon, e successivamente il portiere campione del mondo nel 2006 commette un grave errore e regala il sorpasso neroverde targato Caputo (azione nata da un primo errore di Cuadrado, a cui ha seguito l’errore di De Light ed infine quello di Buffon). Sarri butta nella mischia Dybala che riaccende la luce (l’argentino probabilmente meriterebbe più considerazione visto il momento di forma) e si guadagna il rigore che Cristiano Ronaldo realizza per il 2 a 2 finale. La scena però nel secondo tempo se la prende il giovanissimo portiere (classe 2001) del Sassuolo, Stefano Turati (in campo per gli infortuni di Consigli e Pegolo) che è strepitoso prima su una punizione di Cr7 e poi su un tiro ravvicinato di Dybala. 

Approfitta del mezzo scivolone bianconero l’Inter di Conte trascinata da Lautaro Martinez autore della doppietta contro la Spal (partita terminata 2 a 1 per i milanesi) che permette il sorpasso in vetta. I nerazzurri sono padroni del campo dal primo minuto e l’argentino, che senza più il suo amico ed ex compagno di squadra Icardi si sta prendendo l’Inter, apre subito il match con un bel diagonale rasoterra e bissa il raddoppio con un colpo di testa su splendido traversone di un ritrovato Candreva. Le occasioni fioccano per i nerazzurri ma Berisha dice di no più volte. I brividi però non mancano quando Valoti dopo una bella serpentina riapre il match, ma è l’unica nota offensiva targata Spal. Vittoria importante che arriva alla vigilia di un turno di campionato delicatissimo che vedrà l’Inter ospitare a San Siro la Roma e la Juventus ospite della Lazio all’Olimpico.

Le due romane viaggiano con una fantastica media di goal e vittorie che le proiettano in piena lotta Champions League con la sorpresa Cagliari: la Lazio batte senza patemi l’Udinese per 3 a 0 con la doppietta del solito Immobile(17 goal in 14 partite di campionato) e Luis Alberto; mentre i giallorossi di Fonseca mostrano i muscoli nella difficile trasferta di Verona vincendo 3 a 1 contro i padroni di casa con le reti diKluivert(spaziale assist di Pellegrini alla “Totti”), Perotti e Mkhitaryan. Di Faraoni la rete dei veneti. 

Rialza la testa il Milanche batte il Parma al Tardini per 1 a 0. La cura Pioli mostra i primi effetti e il gioco rossonero è in netto miglioramento rispetto alle ultime uscite, anche se il problema goal e attaccanti resta attualissimo a Milanello. Se Piatek continua a fare fatica, Theo Hernandez (intuizione di mercato di Paolo Maldini) veste i panni del bomber e realizza la rete della vittoria al 90esimo approfittando di un pasticcio difensivo emiliano. L’ex Real Madrid è il capocannoniere della squadra e con la sua terza rete in campionato regala al Milan una vittoria meritata. 

Sempre più critica la situazione del Napoli che al San Paolo subisce la rimonta del Bologna e viene sconfitto per 2 a 1. In un primo tempo tutto sommato positivo per i partenopei, la rete arriva al 40esimo con Llorente che lascia presagire il ritorno alla vittoria per gli uomini di Ancelotti. Ma nella ripresa il Bologna ribalta la situazione con le reti di Svanberg (chiusura di Koulibaly da rivedere) e Sansone. Il forcing finale del Napoli non basta e la squadra esce fra i fischi dei tifosi presenti al San Paolo che speravano in una stagione molto diversa. 

Questi tutti i risultati del 14esimo turno di Serie A: Brescia-Atalanta 0-3 (esonerato Grosso allenatore delle Rondinelle, e ritorno di Corini in panchina); Genoa-Torino 0-1; Fiorentina-Lecce 0-1; Juventus-Sassuolo 2-2; Inter-Spal 2-1; Lazio-Udinese 3-0; Parma-Milan 0-1; Napoli-Bologna 1-2; Verona-Roma 1-3; Cagliari-Sampdoria 4-3. 

Questa la classifica al termine della 14esima giornata di campionato: Inter 37; Juventus 36; Lazio 30; Cagliari e Roma 28; Atalanta 25; Napoli 20; Parma e Verona 18; Torino e Milan 17; Bologna e Fiorentina 16; Sassuolo, Lecce ed Udinese 14; Sampdoria 12; Genoa 10; Spal 9; Brescia 7.

Pubblicato in Sport

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI