Ocse: produzione globale perderà 2.800 miliardi a causa di guerra, inflazione e tassi

“La crescita globale rimarrà debole nella seconda metà del 2022 e rallenterà ancora nel 2023, con un aumento di poco meno del 3% quest’anno e del 2,2% il prossimo. Rispetto alle proiezioni fatte nel dicembre del 2021, prima della guerra in Ucraina, la produzione globale nel 2023 potrebbe essere più bassa di circa 2.800 miliardi di dollari”, pari a oltre il 2% del Pil.

Crisi Ucraina, Rota: «Agroalimentare sotto stress, reagire»

Guerra in Ucraina, caro-energia e inflazione. Una difficile situazione che sta mettendo sotto stress ogni settore del nostro Paese, tra cui anche l’agroalimentare.

#CLOSED - Via Nazionale, la rappresentazione della crisi

La via che collega la stazione Termini al centro anticipa le sembianze di una città fantasma.

Presentazione del libro 'Morire di austerità' di Lorenzo Bini Smaghi

Si è svolta a Roma la presentazione di ‘Morire di austerità. Democrazie europee con le spalle al muro’, un libro di Lorenzo Bini Smaghi, che spiega come le politiche di austerità, con cui l’Ue risponde alla crisi, innescano movimenti populistici e sono un rischio per le democrazie.

“Chi comanda, Obama o Wall Street?”: si discute a Spazio5

Elido Fazi propone le tesi del suo libro in un confronto con Luigi Paganetto e Roberto Ippolito giovedì 22 novembre

Fotonews

Le garitte dei vigili diventano opere d’arte