Dolce Vita, premio in via Veneto al paparazzo Riccardi

Arrivano a bordo di scooter Vespa e delle indimenticabili Duetto per rivivere una notte all’insegna dei mitici anni sessanta. Sono gli ospiti dell’evento promosso da Antonella Ferrari e Monica Mabelli che hanno scelto un locale di via Veneto, la celebre strada della Dolce Vita consacrata dal film di Federico Fellini, per fare un passo indietro nel tempo e tuffarsi nelle notti di quella Roma by night in cui la movida era la scena ideale per i paparazzi.

Ripercorrendo la Dolce Vita...

  L’Italia della Dolce Vita: un libro e una mostra celebrano la favola bella, il sogno di un orizzonte tutto rosa sfumato in un lampo, come racconta Oscar Iarussi in «C’era una volta il futuro».

Spazio5: Roma rivive la favola di Federico Fellini

È stata inaugurata il 1 ottobre la mostra fotografica, allestita nei locali dello "Spazio5" di via Crescenzio 99/c a Roma, dedicata a uno dei decenni più rappresentativi per la capitale: gli anni della Dolce Vita, entrati a far parte dell’immaginario collettivo dopo che Fellini li consacrò nell’omonimo film.

In scena i Tarocchi di Pino Settanni

Fino al 9 ottobre al Museo di Roma in Trastevere, sarà protagonista la retrospettiva Tarocchi, dedicata a Pino Settanni e promossa da Roma Capitale. L’autore, legato all’arte della fotografia, nel corso della carriera ha realizzato, tra gli altri, i ritratti di Guttuso, Sofia Loren, Fellini, Benigni, Rita Levi Montalcini.

Carlo Riccardi al Festival del Cinema di Roma

Le foto di Carlo Riccardi saranno esposte durante tutta la manifestazione "Festival del Cinema di Roma", nelle sale del "salotto" Palombini allestite nel contesto dell'Auditorium-Parco della Musica, a Roma. Federico Fellini, Giulietta Masina, Anita Ekberg, Vittorio De Sica, Sophia Loren, Brigitte Bardot, Alberto Sordi, Vittorio Gasmann, Jean Paul Belmondo, Alain Delon e molti altri, i più grandi, immortalati da uno scatto, quello di Carlo Riccardi...

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.