Istanbul, un reportage sulla felicità

Ho la sensazione che la città mi stesse aspettando. Ha avuto pazienza. Sapeva che, da occidentale, avrei presto emotivamente consegnato i polsi e mi sarei costituita.