Enrico Benaglia e la leggerezza dei sogni

L’apparente ingenua soavità con la quale Enrico Benaglia, artista romano classe 1938, tratta i temi dell’uomo contemporaneo e del mondo in cui vive - trasfigurati in figurine, di persone e animali, ritagliate nella carta e inserite in giardini incantati, sospese in cieli stellati, raffiguranti giocolieri e domatori sulla pedana del circo, che passeggiano in scorci di città dal sapore liberty - esprime la sua necessità di prefigurare, attraverso la poetica surrealista, nuovi mondi e nuove possibilità di esistenza nella dimensione totalmente nuova dei sogni.

Fotonews

Manifestazione contro le botticelle a Roma