A Terracina la rassegna R.Estate in Scena

Annabella Calabrese e Giovanna Cappuccio in "Shakespeare in plexiglass" Annabella Calabrese e Giovanna Cappuccio in "Shakespeare in plexiglass"
Da sabato 1° a lunedì 31 agosto 2020 un mese di spettacoli, fra teatro, musica e poesia, con importanti nomi della scena contemporanea.

Due programmazioni differenti in due location d’eccezione: al Tempio di Giove Anxur spazio a reading inediti ed alla nuova drammaturgia con noti protagonisti della scena teatrale contemporanea; al Parco Oasi intrattenimento, commedia, musica e teatro-canzone

Dal al 31 agosto, il teatro, con le sue storie, i suoi personaggi, le sue melodie, approda nell’affascinante cornice della città di Terracina con la rassegna R.Estate in Scena, organizzata dall’Associazione Ka.st in collaborazione con Fondazione Città di Terracina e Parco Oasi.

Un mese di imperdibili appuntamenti in cui si susseguiranno spettacoli inediti e non, monologhi, reading pensati e studiati appositamente per l’occasione, concerti e musica dal vivo, con importanti nomi della scena teatrale italiana, giovani compagnie e musicisti, i quali andranno ad abitare la meravigliosa cornice del comune pontino, creando occasioni di incontro, confronto, riflessione e spensieratezza.

Pièce molto differenti per stile e genere, dalla commedia al dramma, dalla poesia al musical, dal varietà al teatro off. Tanti volti per tanti occhi. Tante voci per tante orecchie. Ognuna con il proprio background e il proprio gusto.

Storie, personaggi, idee, note, emozioni da vivere all’aperto, due programmi differenti per due location speciali individuate per l’occasione: il Tempio di Giove Anxur e il Parco Oasi.

 

R.Estate in Scena al Tempio di Giove Anxur

Lo storico e suggestivo Tempio affacciato sul mare, simbolo della città, ispirato alla grande architettura scenografica ellenistica e dedicato a Giove, è pronto ad ospitare una programmazione ideata per esaltare la poesia e la magia del luogo con reading inediti e spettacoli dal forte impatto emotivo, che spaziano dal mito, alla letteratura, alla drammaturgia contemporanea, con protagonisti noti della scena teatrale attuale.

Da Daniele Pecci con La Morte della Pizia, una rilettura laica, sottile, dissacratoria e divertente del mito ed in particolare del mito di Edipo (mercoledì 19 agosto) , alla raffinata Elena Arvigo che domenica 30 agosto proporrà Soliloqui poetici del mito “le altre eroine”, tratto da Quarta dimensione di Ghiannis Ritsos, una mise en space tratta dedicata alle grandi eroine tragiche ( Elena, La sonata al Chiaro di Luna, Crisotemi).

Dall’attore e regista Giovanni Arezzo, accompagnato dalla chitarra di Giuseppe Senia e la batteria di Emanuele Senia, con il reading Ciaula scopre la luna e altre storie (giovedì 20 agosto), un racconto intimo e vibrante, tra musica, parole e affascinanti storie notturne, che trae spunto da diversi autori riletti in chiave poetica e originale, con inserti di modernità e originalità accentuati dall’accompagnamento musicale e da canzoni inedite dello stesso Arezzo, anche rapper e slammer con il nome di Soulcè, a Maria Carolina Salomè (lunedì 10 agosto), che con Mimì per me offre un omaggio all’indimenticabile Mia Martini (1947-1995) - della quale nel maggio 2020 ricorreva il venticinquesimo anniversario della scomparsa - attraverso le canzoni più importanti della sua discografia,  dagli anni dei primi grandi successi, passando per gli anni bui della superstizione, fino alle ultime perle musicali.

Da Giorgio Sales e Lorenzo Parrotto con Sete, un meccanismo “scellerato” che coinvolge un intero caleidoscopio di personaggi, in una sorta di gioco al rilancio in cui vince chi riesce ad aumentare di più il valore di un bene primo come l’acqua, trasformandolo in un’icona del lusso (martedì 25 agosto), a Giorgia Filanti con 4.48 Performing, performance fisica ispirata a 4:48 Psycosis della drammaturga Sarah Kane (mercoledì 5 e giovedì 6 agosto).

 

R.Estate in Scena al Parco Oasi

Nella cornice del centralissimo Parco Oasi spazio, invece, ad una programmazione dedicata alla musica, all’intrattenimento, alla commedia, al teatro-canzone.

Si parte sabato 1° agosto con Note dall’oceano, libero adattamento di Novecento di Alessandro Baricco (da cui alla fine degli anni Novanta fu tratto il celebre La leggenda del pianista sull’Oceano - 1998 - di Giuseppe Tornatore, con Tim Roth) con Gilberto Cavagna accompagnato al Piano del Maestro Michele Della Valentina, e  con la compagnia Le Chat Noir, che domenica 2 agosto propone Shakespeare in plexiglass: due attrici, Annabella Calabrese e Giovanna Cappuccio, una parete di plexiglass e un intero repertorio Shakespeariano da mettere in scena mantenendo la distanza di sicurezza.

A seguire lunedì 3 e martedì 4 agosto Giovanna Lombardi con Nannarella, una vera e propria dedica alla grande Anna Magnani, uno dei simboli, una delle figure più popolari della romanità, vista attraverso la storia del cinema del nostro Paese. Dramma e ironia in un cocktail di emozioni senza tempo.

Si prosegue con la commedia Grisù, Giuseppe e Maria (da venerdì 7  a domenica 9 agosto), dove in una sagrestia di provincia a metà degli anni Cinquanta, un solerte sacerdote, Don Ciro, cercherà di risolvere una delicata questione che coinvolge due sorelle, e con “Storie del genere umano” (da martedì 11 a venerdì 14 agosto), sei storie di esseri umani si susseguono, sei umani diversi tra loro. Sono uomini, donne, giusti, sbagliati, fragili, impauriti, a tratti inconsapevolmente comici, a tratti struggenti. Storie di umani che hanno paura di guardarsi dentro, di scovare il proprio demone.

A Ferragosto evento speciale dedicato alla moda, con una sfilata curvy style, e al canto, con giovani talenti esordienti del panorama musicale.

Lunedì 17 agosto è la volta de I sette Re di Roma, liberamente tratto dal celebre musical che Gigi Proietti presentò per la prima volta al teatro Sistina nel 1989: un excursus divertente e brillante, ma anche storicamente veritiero delle vicende della Roma monarchica.  

Martedì 18 agosto, invece, in scena Au Revoir con Viviana Falco nei panni di Claudia, attrice pluripremiata e diva dello star system, all' apice della sua carriera, messa a dura prova da una serie di disavventure, che la porteranno ad una scelta cruciale.

Da venerdì 21 a domenica 23 agosto Alessandro Cau con la sua ironia trascinerà il pubblico nello show Volevo solo essere famoso, monologo brillante e romantico di un disperato contemporaneo, mentre si cambia registro lunedì 24 agosto, con il  debutto assoluto di  Storie di Spie con la regia di Germano Rubbi e le musiche di Francesco Verdinelli, uno spettacolo in cui i tre personaggi realmente esistiti, raccontano loro stessi svelando una parte di storia contemporanea spesso tenuta nascosta.

Nei giorni successivi, martedì 25 e mercoledì 26 agosto, si sorriderà con la commedia Il Pomo della discordia di Salvatore Riggi. Equivoci, situazioni farsesche, aneddoti quotidiani e colpi di scena che animano la vita di quattro amici.

Ultimi eventi dedicati al teatro- canzone, giovedì 27 agosto con Sola Andata- Musica e Parole, Lorenzo Parrotto e Giorgio Sales, accompagnati al piano dal Maestro Daniele Vitali, un excursus tra canzoni e testi di Giorgio Gaber e Enzo Jannacci, autori romani e napoletani, che hanno fatto la storia della musica e del cantautorato italiano, poesie e monologhi, da De Filippo a Proietti, Trilussa; e venerdì 28 agosto con  L’Amore è una scusa-In concerto, spettacolo musicale in cui Maria Carolina Salomè, Alessandro Molinari e Federico Scribani, ripercorreranno i trent’anni di amicizia che li lega finendo inevitabilmente a parlare della gioventù, di ricordi, di sentimenti, di donne, di uomini, di visione maschile e femminile dell’amore, toccando attraverso le canzoni le varie tappe di una storia d’amore, dai suoi felici momenti iniziali, al suo struggente tramonto, in un’atmosfera ironica e delicata.

In chiusura sabato 29 agosto concerto tributo a Rino Gaetano.  Daniele Savelli con Paolo Persico, Umberto De Santis, Roberto Petruccio, ripercorrerà i più grandi successi del cantautore romano, da Gianna a Ma il cielo è sempre più blu, da A mano a mano ad Aida, in una festa di suoni e colori. 

Lunedì 31 agosto, per finire, A piedi nudi nel parco, la celebre commedia teatrale di Neil Simon (portata al cinema nel 1967 con il film omonimo diretto da Gene Saks ed interpretato da Jane Fonda, Robert Redford, Mildred Natwick e Charles Boyer) diretta da Dario De Francesco, il quale costruisce un divertente quanto profondo racconto sull’amore e su tutte le difficoltà che questo porta con sé.

Dopo il lungo periodo di lockdown causato dall’emergenza sanitaria connessa al R.Estate in Scena sarà un’occasione per riscoprire luoghi e paesaggi e per trascorrere la stagione estiva in compagnia dall’arte.

Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto delle norme anti Covid.

Letto 666 volte

Ultima modifica il Sabato, 25/07/2020

Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI