Caligola di Albert Camus al Teatro Trastevere

Caligola di Albert Camus al Teatro Trastevere
Debutterà giovedì 9 gennaio 2019 al Teatro Trastevere - via Jacopa de’ Settesoli 3 - a Roma la pièce di Albert Camus “Caligola”, regia di Romina Delmonte e Valerio Rosati ed interpretata da R. Delmonte, V. Rosati, Isabella Ripoli, Francesco Bonaccorso, Emanuel Pascale, Stefano Pizzigallo e Federica Santuccio.

«Una manciata di luce, una clessidra e il dolore umano. La scena si apre su una Roma che potrebbe esistere in qualsiasi luogo e in qualsiasi tempo, su piedi nudi che incedono in un dolore spaesante. Nessun grande imperatore, nessuna corona, nessun potere, Caligola torna a casa spossato e infreddolito con la morte tra le mani, un’anima che ha “amato troppo” e ha perso tutto. Quanto può valere tutto il tesoro di un regno davanti ad un dolore come questo?» (da Caligola)

Certi della necessità di un teatro che racconti prima di tutto l’animo umano con tutti i suoi colori, nel momento storico in cui viviamo l’opera di A. Camus diventa “necessaria” per un pubblico che, chiamato in causa, assiste alla messa in scena della propria coscienza, della propria solitudine ed ambizione in poco più di cento minuti di spettacolo. Un’anima nuda che elude l’appartenenza al genere e al tempo, un’anima che deve credere nella “luna” perché non ha senso vivere se non si crede nell’impossibile. Caligola è il giusto pretesto per raccontare l’esigenza di un teatro di “necessità”,di un teatro che racconti con trasparenza e non troppa delicatezza l’animo umano con tutti i suoi colori. Dietro Caligola vagauna manciata di umanità disfatta, disillusa e mediocre: la bella e vecchia Cesonia che sta sfiorendo, l’acerbo poeta Scipione, il Cherea cinico e manipolatore, un Muzio modesto e pavido ed infine, l’Elicone spettatore.

Tutto questo è Caligola, primo progetto teatrale dell’Associazione culturale Three Monkeys. L’amore per il teatro non è l’unica scintilla che ha messo in moto la realizzazione di tale spettacolo; la ricerca teatrale, l’indagine antropologica è mossa dalla volontà di non fuggire il racconto del dolore, ma il coraggio di impregnarcisi e di attraversarlo, per risalire in una conoscenza più profonda dell’io. In un momento storico in cui il teatro non ha più un ruolo centrale nella comunità, si ha la necessità di difendere strenuamente tutto ciò che il palco può contenere con la sua potenza catartica, gioie, solitudini, la vita umana con tutte le sue contraddizioni. Il progetto ha avuto, eccezionalmente, il benestare dell’avente diritto Catherine Camus, figlia dello scrittore Premio Nobel Albert Camus (1913-1960) nella scelta di portare in scena il personaggio di Caligola da una donna. Ma se Roma non è Roma e il tempo è solo una percezione soggettiva, Caligola interpretato da donna non deve certo stupire.

Caligola di Albert Camus (regia: Romina Delmonte, Valerio Rosati; interpreti: R. Delmonte - Caligola -, V. Rosati - Cherea -, Isabella Ripoli - Cesonia -, Francesco Bonaccorso - Elicone -, Emanuel Pascale - Scipione -, Stefano Pizzigallo - Muzio -, Federica Santuccio - moglie di Muzio -; disegno luci: Paolo Fortini; scene: Natalia Di Cosmo; video e grafica: Carolina Silvetti, Marco Scuderi) rimarrà in scena al Teatro Trastevere fino a domenica 12 gennaio 2019

Letto 969 volte

Ultima modifica il Sabato, 24/09/2022

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Fotonews

Meloni riceve i sindacati