“Che disastro di commedia” al Teatro Brancaccio: intervista a Viviana Colais e Luca Basile

Viviana Colais e Luca Basile in "Che disastro di commedia" Viviana Colais e Luca Basile in "Che disastro di commedia"
Debutterà giovedì 5 aprile 2018 al Teatro Brancaccio - via Merulana 245 - a Roma “Che disastro di commedia”, versione italiana della commedia inglese “The Play that Goes Wrong” di Henry Lewis, Jonathan Sayer e Henry Shields, traduzione di Enrico Luttmann, regia di Mark Bell, produzione AB Management, ed interpretata da Viviana Colais, Luca Basile, Stefania Autuori, Valerio Di Benedetto, Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Gabriele Pignotta e Marco Zordan. Abbiamo incontrato Viviana Colais e Luca Basile ed abbiamo chiesto loro di parlarci dello spettacolo.

Viviana Colais: Siamo Viviana e Luca e siamo qui per presentarvi lo spettacolo Che disastro di commedia per la regia di Mark Bell e per la versione italiana di The Play that Goes Wrong. Èuno spettacolo nato a Londra nel 2012 e praticamente diventato un “cult” che, dal 2014, è in scena nello stesso teatro. Una sera J. J. Abrams, il produttore di Star Wars che è anche regista  è andato a vederlo ed è stato così entusiasta di questo spettacolo che ha deciso di acquistarlo e portarlo a Broadway. Ora finalmente è arrivato in Italia e noi siamo il cast selezionato dal regista inglese Mark Bell, mentre lo spettacolo sta girando in tutto il mondo: a Parigi, ad Atene, a Hong Kong, in Nuova Zelanda. Noi siamo il cast italiano e a breve - giovedì 5 aprile -  debutteremo a Roma al Teatro Brancaccio, e ci rimarremo fino a domenica 8 aprile. Il cast è formato da otto attori; io ho il ruolo di Sandra e di Florence. Perché il doppio ruolo? Perché praticamente ognuno di noi ha un doppio ruolo. La storia racconta di una compagnia amatoriale che cerca di mettere in scena un giallo. Tuttavia, avviene di tutto: succedono tutti quegli errori che noi attori temiamo sul palcoscenico, per esempio scordarsi la battuta o sbagliarla, lasciar acceso il cellulare, la scenografia che crolla... Siamo otto attori: Viviana Colais, Luca Basile, Valerio Di Benedetto, Yaser Mohamed, Marco Zordan, Gabriele Pignotta, Stefania Autuori, Alessandro Marverti. Il ruolo di Sandra è quello della protagonista, della prima attrice della compagnia amatoriale, che si sente un po’ una donna arrivata e che ha il ruolo della moglie del presunto morto durante l’omicidio, e quindi Florence, la protagonista del giallo.

Luca Basile: Io sono Luca Basile, interpreto Max, Cecil e il giardiniere Arthur; questi è il fratello di Charles, il presunto morto, e la cosa interessante è nel fatto che si porta in scena sia l’essere umano Max, che poi interpreta Cecil; c’è una doppia veste continua, si entra e si esce dal personaggio entrando in un altro.

V. C.: Perché dovreste venirlo a vedere? Prima di tutto perché è un successo mondiale ed è un po’ il figlio di una favola bellissima. Èstato scritto, interpretato e portato in tutto il mondo da tre studenti dell’Accademia che hanno scritto lo spettacolo, lo hanno provato in un pub, lo hanno arricchito -  si chiamava Red Lion, e hanno chiamato Mark Bell, il nostro regista, che era il loro insegnante di Clownerie e di Acrobatica alla Lambda, l’Accademia di Arte Drammatica di Londra - e lo hanno portato prima ai festival, finché è stato prodotto e portato al West End. Già per questo è proprio una favola, perché da un pub sono arrivati a Broadway ed a girare tutto il mondo. Ma dovete venire anche perché è surreale, perché riprende un po’ quella comicità alla Buster Keaton, alla Stanlio e Ollio; succede veramente di tutto. Oltre agli otto attori c’è la scenografia, che è il nono attore.

L. B.: Possiamo dirlo tranquillamente; ha un orologio perfetto proprio per far ridere, ogni quarantacinque secondi c’è un imprevisto ed accade tutto quello che un attore non vorrebbe mai che accadesse e che normalmente nell’arco della vita avviene, ma non tutto insieme!

V. C.: Sì, magari nel corso di cinquant’anni! È un orologio svizzero specialmente perché se noi sbagliamo una posizione rischiamo la vita.

L. B.: Quindi anche solo per vedere quella vera sofferenza nel pericolo, ci si chiede «chissà se riesce ad arrivare alla fine della recita». Un’altra cosa importante è che questi attori sono degli eroi perché sostanzialmente l’aspetto veramente comico emerge dal fatto che c’è il contrasto rispetto a tutti gli imprevisti che accadono, e questi personaggi, che sono amatoriali, non sanno recuperare, e quindi vanno avanti nonostante l’evidenza. Quindi il paradosso, chiaramente, fa ancora più ridere.Ancora tutto più assurdo fino alla fine che definirei “apocalittica”.

V. C: Dove venirci a vedere? Al Teatro Brancaccio a Roma dal 5 all’8 aprile - c’è anche il sabato e la domenica pomeriggio alle 17, ed alle 21 tutti i giorni -.  Poi andremo su al Nord: a Cesano Boscone, Vighizzolo di Cantù e altri luoghi in Lombardia dall’11 al 15 aprile e poi, dal 2 all’13 maggio saremo al Teatro Carcano di Milano. Quindi vi aspettiamo, vi aspettiamo, vi aspettiamo con Che disastro di commedia di J.J.Abrams, direttamente da Londra. Ciao da Viviana e Luca. A presto!

 

Che disastro di commedia di Henry Lewis, Jonathan Sayer ed Henry Shields (traduzione: Enrico Luttmann; regia; Mark Bell; produzione: AB Management; regista assistente: Virginia Acqua; interpreti: Viviana Colais, Luca Basile, Stefania Autuori, Valerio Di Benedetto, Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Gabriele Pignotta e Marco Zordan) rimarrà in scena al Teatro Brancaccio fino a domenica 8 aprile 2018.

Dopodiché lo spettacolo (già andato in scena al Teatro Traiano di Civitavecchia - RM -, al Mercadante di Altamura - BA -, all’Orfeo di Taranto, all’Anche Cinema - ex Royal- di Bari, al Ponchielli di Cremona, al Michelangelo di Modena, al Gioiello di Torino, allo Zancanaro di Sacile - PN - e all’Alba Radians di Albano Laziale - RM) proseguirà la sua tournée martedì 10 aprile 2018 (al Teatro Cristallo di Cesano Boscone - MI), giovedì 12 e venerdì 13 aprile (al San Rocco di Seregno - MB), sabato 14 aprile (al Fumagalli di Vighizzolo di Cantu - CO), giovedì 19 aprile (al Teatro Comunale di Gormons - GO), e da giovedì 3 a domenica 13 maggio (al Carcano di Milano).

 

Letto 2935 volte

Ultima modifica il Domenica, 08/04/2018

Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI