Come tre aringhe di Marco Falaguasta e Mauro Graiani al Teatro Trastevere

Come tre aringhe di Marco Falaguasta e Mauro Graiani al Teatro Trastevere
Debutterà martedì 18 febbraio 2020 al Teatro Trastevere - via Jacopa de Settesoli 3 - a Roma la pièce di Marco Falaguasta e Mauro Graiani “Come tre aringhe”, libero adattamento di Leonardo Buttaroni, regia di L. Buttaroni ed interpretata da Christian Galizia, Olimpio Pingitore e Gianlorenzo Tennenini.

«Nel mio adattamento sono andato a scavare nei personaggi per trovare alcune caratteristiche che l’uomo in momenti di difficoltà tira fuori, evidenziando aspetti caratteriali che sono tutto men che mai positivi: nel caso dei nostri personaggi, uno è cinico e intollerante, l’altro pignolo ed in attesa di un miracolo, e l’ultimo ormai illuso e deluso dal mondo. Mettere tre persone di questo tipo in una stanza non può che far nascere attrito dal quale la storia deve andare ad attingere per nutrirsi» (Leonardo Buttaroni)

La notte porta consiglio. E porta confronto. Tre metronotte dalle storie e dalle personalità differenti condividono le lunghe e lente ore del loro turno presso un delfinarium. Giorgio, il nuovo arrivato, porta un po’ di scompiglio e le grandi differenze di stili di vita porta i protagonisti a confessarsi ed a confrontarsi, e, in ultima analisi, a fare i conti con se stessi. Tre storie diverse e un’unica morale: rimandare può esser fatale. Mentre adempiono al loro dovere – sorvegliare che tutto funzioni nella vasca di un misterioso e mitologico delfino albino, metafora di un’eccezionalità che i tre possono solo lontanamente sognare - i metronotte si raccontano, intrecciando i loro stessi vissuti.

Come tre aringhe è la storia di tre uomini comuni che raccontano se stessi e, come nella miglior tradizione italiana, dal dramma nasce la commedia. Momenti di delirio e panico si alternano a vari momenti imbarazzanti: folli idee e disperate confessioni spingono la storia verso un finale inaspettato. Poche musiche, pochi cambi luci, tutto in nome della normalità, che ad un tratto si interromperà, perché prima o poi tutte le “cose normali” si trasformano e «...noi nel teatro abbiamo l’obbligo di raccontare lo straordinario...».

Come tre aringhe di Marco Falaguasta e Mauro Graiani (adattamento e regia: Leonardo Buttaroni; regista assistente: Emiliano Morana; interpreti: Christian Galizia, Olimpio Pingitore, Gianlorenzo Tennenini; scene: Mariagrazia Jovine) rimarrà in scena al Teatro Trastevere fino a mercoledì 26 febbraio 2020.

Letto 774 volte

Ultima modifica il Sabato, 24/09/2022

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.