“Genitori in affitto” debutta al Teatro de’ Servi

“Genitori in affitto” debutta al Teatro de’ Servi
Ha debuttato venerdì 1 febbraio 2019 al Teatro de’ Servi - via del Mortaro 22, all’angolo con via del Tritone - a Roma “Genitori in affitto” di Fabrizio Nardi, Nico Di Renzo, I pezzi di Nerd e Nazzareno Mattei, regia di F. Nardi ed interpretata da Mirko Cannella, Lorenza Giacometti, Nicolò Innocenzi, Michele Iovane e Jey Libertino.

Dopo il grande successo di pubblico nella scorsa stagione con Ho adottato mio fratello, torna sul palcoscenico del Teatro de’ Servi la giovane compagnia de I pezzi di Nerd con il loro nuovo spettacolo firmato insieme a Fabrizio Nardi, Nico di Renzo (in arte Pablo & Pedro) e Nazzareno Mattei, con la regia di Fabrizio Nardi.

Genitori in affitto porta in scena la spassosa vicenda di tre fratelli che, come i tre piccoli porcellini, vivono spensierati in quella che considerano - peraltro non del tutto a torto - la loro legittima casa. Tuttavia, come avviene nella favola, in agguato c’è il “lupo cattivo” che ha l'inusitato aspetto dei genitori, o meglio di una loro “pazza idea”. Dopo molti anni di felice separazione, hanno deciso di risposarsi. Lo scontro generazionale - o, più semplicemente, la contrapposizione di egoismi amplificati dall’abitudine alla comodità ed all’indipendenza - è dietro l’angolo. Il «No!» è secco: la casa di famiglia non deve essere riconsegnata a chi l’ha avventatamente ceduta. Sarà lotta senza paura. Lungo tale fil rouge logico - o, se si preferisce, volutamente illogico e paradossale - si svolge la vicenda di Agostino, Giancarlo e Flavio, i quali da anni convivono in una sorta di “libertà obbligatoria” nella casa dei genitori fra ostacoli ed agitazioni, ma anche tanta voglia di divertirsi. Quando scoprono dai genitori le novità in arrivo, al danno si aggiungerà la beffa: proprio in quel momento hanno stabilito di ristrutturare l’abitazione in base ai propri bisogni con l’aiuto dell’amico Giovanni. Tutti verranno coinvolti nella elaborazione dei più astuti, divertenti ed improbabili piani per far saltare le nozze. Perfino quelle di Rosy, l’avvenente ragazza delle pulizie.

Volendo citare Alessandro Manzoni, la frase che guida l’intero spettacolo è «questo matrimonio non s’ha da fare!».

Genitori in affitto di Fabrizio Nardi, Nico Di Renzo, I pezzi di Nerd e Nazzareno Mattei (regia: Fabrizio Nardi; audio e luci: Kevin Bonocore; produzione: Agricantus; interpreti: Mirko Cannella, LorenzaGiacometti, Nicolò Innocenzi, Michele Iovane e Jey Libertino) rimarrà in scena al Teatro de’ Servi fino a domenica 17 febbraio 2019.

La stagione 2018/19 del Teatro de’ Servi proseguirà con il Call Center 3.0, scritto e diretto da Roberto D’Alessandro, interpretato da Milena Miconi, Franco Oppini, Luca Capuano, Pietro Genuardi, Karin Proia, Roberto D’Alessandro e Cecilia Taddei e che sarà in scena da venerdì 22 febbraio a domenica 10 marzo 2019.

Seguiranno gli scheletri nell’armadio di Segreti di famiglia di Enrico Luttmann (regia: Marco Maria Casazza; interpreti: Viviana Toniolo, Stefano Messina), in scena fino a domenica 31 marzo 2019 e, da venerdì 5 aprile, lo spettatore sarà ospite di pacchiane ville simil-hollywoodiane con Benvenuti a casa Imbrogliovic, scritto e diretto da Stefano Fabrizi ed interpretato da Daniele Graziani e Lucio Del Maso, e che sarà in scena fino a domenica 21 aprile 2019.   

A chiudere nel modo migliore la stagione 2018/2019 del Teatro de’ Servi saranno le paure e le incertezze di Un matrimonio all’Improvviso di Antonio Romano (regia: Antonio Grosso; interpreti: Carlotta Ballarini, Gaia Benassi, Laura Garofoli, Giuseppe Renzo, Antonio Romano, Martina Tonarelli), in scena da venerdì 26 aprile a domenica 12 maggio 2019, e le eroine per necessità nella San Lorenzo del ’43 di Pane, latte e lacrime di Veronica Liberale (regia: Cristiana Vaccaro; interpreti: Franco Barbero, Camilla Bianchini, Antonia di Francesco, Veronica Liberale, Francesca Pausilli, Giada Prandi, Andrea Venditti), in scena da venerdì 17 maggio a domenica 2 giugno 2019. 

La stagione “Fuoriclasse”, dopo Hitchcock. A Love Story di Fabio Morgan, La fame di Alessandro Aceti,Cara professoressa di Ljudmila Razumovskaja, Oliver Twisted, liberamente tratto da Charles Dickens e adattato da Leonardo Ferrari Carissimi e Fabio Morgan, e Almost, Maine di John Cariani, e Olio di gomito. Canovaccio per cinque casalinghe di Maria Teresa Berardelli, proseguirà invece con   Posso lasciare il mio spazzolino da te?scritto e diretto da Massimo Odierna (interpreti: Vincenzo d’Amato, Vera Dragone, Luca Mascolo, Alessandro Meringolo), in scena da lunedì 18 a mercoledì 20 febbraio 2019.

Seguiranno Il giovane Riccardo, scritto e diretto da Alberto Fumagalli (interpreti: con Alberto Fumagalli, Alice Bertini, Antonio Muro, Loris Farina, Ludovica D’Auria), in scena da lunedì 11 a mercoledì 13 marzo 2019, e Il paese di chi se ne va, scritto e diretto da Francesca Muoio (interpreti: Annacarla Broegg, Marianita Carfora, Cesare D’Arco, Morena Di Leva, Valeria Frallicciarci, Francesca Muoio, Davide Paciolla, Antonio Perna, Luca Trezza), in scena da lunedì 1 a mercoledì 3 aprile 2019.

La stagione “Fuoriclasse” si chiuderà con Vox Family, scritto e diretto da Francesco Petruzzelli (interpreti: Carlotta Mangione, Roberta Azzarone, Michele Lisi, Cristina Poccardi, Cristina Pelliccia, Lorenzo Parrotto, Luigi Biava) e che sarà in scena da lunedì 13 a mercoledì 15 maggio 2019.  

 

 

 

 

 

 

Letto 1062 volte

Ultima modifica il Domenica, 25/09/2022

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Fotonews

Meloni riceve i sindacati