Gli ultimi due spettacoli della rassegna Tales Of Women al Teatro Trastevere

Gli ultimi due spettacoli della rassegna Tales Of Women al Teatro Trastevere
Andranno in scena da venerdì 13 a domenica 15 marzo 2021 al Teatro Trastevere - via Jacopa de Settesoli 3 - a Roma gli ultimi due spettacoli della rassegna “Tales of Women”: “Lui torna sempre” di Andrea Franco e “Synesthesia” di Giuliana Maglia.

La programmazione del Teatro Trastevere, fatta salva la volontà delle compagnie e dei singoli artisti, prosegue regolarmente seguendo le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020.

Teatro, Danza, performances. Unicamente dedicati al mondo del Femminile.

 

Venerdì 13 e sabato 14 marzo 2020 ore 21.00

Lui torna sempre di Andrea Franco (regia: Monica Falconi, A. Franco; interprete: M. Falconi)

Tutto si svolge all’interno di una piccola stanza. C’è solo una piccola finestra, in alto, e una porta. La protagonista (di cui non conosciamo il nome) è stata chiusa con la forza e un poco alla volta scopriamo il suo passato e in che modo è arrivata lì, il tutto scandito con dei colori di scena che sottolineano gli stati d’animo o i momenti specifici della narrazione. Lei è una ragazza con qualche problema mentale, cresciuta con un padre che non l’ha mai accettata e che ha abbandonato lei e la madre. Per superare le difficoltà la madre finisce col lavorare in strada. Un destino atroce – di cui non conosciamo tutti i dettagli – fa sì che anche la protagonista narrante inizierà contro la sua volontà a prostituirsi.

Lui torna sempre vuole dare corpo e anima a tutte le donne vittime di violenze o di coercizione. Volendo estendere, si rivolge a tutti coloro che ogni giorno subiscono violenze e non riescono ad opporsi. La ragazza narra in prima persona e rivolgendosi alla sua ombra, unica amica nel suo rapimento, le sue paure e fatti anche passati come per rifugiarsi dalla realtà insopportabile che si era trovata costretta a sopportare.

 

Domenica 15 marzo 2020, ore 17.30

Synesthesia, spettacolo di Teatro-Danza (coreografie originali: Giuliana Maglia; interpreti: Maura Armento, Madalina Banescu, Giusy Pizzimenti, Matteo Gentiluomo, G. Maglia; produzione: Compagnia Echoes)

«Ricordare con il cuore, sentire con la pancia, parlare con i gesti, mangiare con gli occhi, toccare con la mente, danzare con l’anima» (da Synesthesia)

Il termine “sinestesia” deriva dal greco “Syn” (“insieme”) e “Aisthànestai” (“percepire”), e il suo significato alla lettera è “percepire insieme”, “sentire insieme”. Infatti la parola sinestesia serve proprio ad indicare un’esperienza di percezione simultanea a livello sensoriale, una commistione di sensazioni generata dall’osservazione della realtà che può comportare confusione, gioia, piacere, paura nel soggetto che la prova. La sinestesia è anche una figura retorica molto utilizzata nella poesia, nella pittura, nell’arte in generale e spesso in maniera inconsapevole anche nella danza. Ed è proprio utilizzando il linguaggio della danza che si vuole raccontare la realtà percepita attraverso la sinestesia, utilizzando sensazioni mescolate, indagando a livello gestuale e di movimento ciò che avviene in una mente che si trova a vivere un’esperienza di sinestesia.

 

Lui torna sempre di Andrea Franco (regia: Monica Falconi, A. Franco; interprete: M. Falconi) e Synesthesia, spettacolo di Teatro-Danza (coreografie originali: Giuliana Maglia; interpreti: Maura Armento, Madalina Banescu, Giusy Pizzimenti, Matteo Gentiluomo, G. Maglia; produzione: Compagnia Echoes), andranno in scena al Teatro Trastevere nell’ambito della rassegna Tales of Women da venerdì 13 a domenica 15 marzo 2020

Letto 363 volte
Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI