Il bunker di Massimo Roberto Beato e Federico Malvaldi al Teatro Spazio 18B

Il bunker di Massimo Roberto Beato e Federico Malvaldi al Teatro Spazio 18B
Debutterà giovedì 11 novembre 2021 alle ore 20.30 al Teatro Spazio 18 B - via Rosa Raimondi Garibaldi 18/b, in zona Garbatella - la pièce di Massimo Roberto Beato e Federico Malvaldi “Il bunker”, regia di Jacopo Bezzi, ed interpretata da Dora Macripò e Marco Bucci.

Debutta in prima assoluta al Teatro Spazio 18b, dall’11 al 28 novembre, Il bunker, spettacolo scritto da Massimo Roberto Beato e Federico Malvaldi e diretto da Jacopo Bezzi, con Dora Macripò e Marco Bucci.

Una storia che affronta, celato sotto un clima distopico post apocalittico, il tema dell’incapacità di relazionarsi nel mondo contemporaneo da parte delle nuove generazioni. La protagonista femminile, Adele, si nasconde e si chiude in un “bunker” con il fratello Sasha, di otto anni, dopo che il mondo sembra vittima di una pioggia nucleare mortale.

In pieno stile romanzo di formazione, seguendo l’evoluzione del personaggio maschile di Salvatore, detto “Sasha”, ormai diciottenne, il pubblico seguirà un percorso di crescita, di sviluppo del ragazzo, soprattutto nel conflitto con la sorella.

La vicenda prende il via da una  pioggia mortale che sta affliggendo il mondo e dalle peripezie di due ragazzi cresciuti in un bunker. Un decennio di auto prigionia per sfuggire alla morte. Adele e Sasha sono nascosti da quando avevano rispettivamente sedici e otto anni. È lei ad essersi presa cura del fratello piccolo, è lei che ha provveduto alle faccende quotidiane, ad istruirlo, a mantenere viva la sua fantasia di bambino prima, e di adolescente, poi. Ma le cose non sono mai davvero come sembrano. Piccole domande melliflue cominciano a insediarsi nella mente di Sasha. Come mai le scorte della dispensa non finiscono mai? Di chi è quella voce che proviene dalla vecchia radio che ha alimentato le loro speranze, per dieci anni, di avere un contatto con l’esterno? Là fuori, è davvero la fine del mondo? E la pioggia? La situazione comincia a farsi sempre più enigmatica. Per Adele è sempre più difficile stare al passo con la curiosità e le pulsioni da giovane adulto di Sasha. Il ragazzo vuole uscir fuori, scoprire il mondo che c’è oltre quella porta che per un decennio lo ha tenuto al sicuro da qualcosa che, forse, neppure esiste.

Ad arricchire lo spettacolo, l’esperienza del  SILENTTHEATRE© - Per un teatro visuale, immersivo, sonoro, un format di Massimo Roberto Beato, Elisa Rocca e Jacopo Bezzi.

Una nuova forma di teatro immersivo, una nuova esperienza per gli spettatori, i quali avranno la possibilità di immergersi, indossando delle speciali cuffie, in una straordinaria drammaturgia sonora composta di musiche, dialoghi segreti ed effetti audio binaurali. La partitura sonora sarà parte integrante della vicenda performata nello spazio scenico dagli attori, la cui azione fisica e verbale, darà vita a un racconto visuale che integrandosi con il racconto sonoro trasmesso dalle cuffie renderà l’esperienza per lo spettatore/spettatrice totalmente immersiva e unica.

Il bunker di Massimo Roberto Beato e Federico Malvaldi (regia: Jacopo Bezzi; assistente alla regia: F. Malvaldi; sonorità e effetti audio: Davide Catanzaro; organizzazione: Ferrante Cavazzuti; interpreti: Dora Sacripò, Marco Bucci; produzione: La Compagnia dei Masnadieri) rimarrà in scena al Teatro Spazio 18/B fino a domenica 28 novembre 2021.

Letto 196 volte

Ultima modifica il Mercoledì, 10/11/2021

Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI