Instabili Vaganti alla MaMa di New York e alla GeorgeTown University con il progetto Beyond Borders e lo spettacolo Lockdown Memory

Instabili Vaganti alla MaMa di New York e alla GeorgeTown University con il progetto Beyond Borders e lo spettacolo Lockdown Memory
Instabili Vaganti vola negli USA con il progetto interdisciplinare Beyond Borders.

La Compagnia è infatti fra gli attesi ospiti di The Gathering, incontro all’interno del prestigioso Festival CrossCurrets presso la GeorgeTown University di Washington DC (da mercoledì 4 a sabato 7 maggio 2022), un appuntamento che dal 2012 si distingue per gli approcci interdisciplinari pionieristici che integrano le arti dello spettacolo alle riflessioni sulle problematiche globali che contraddistinguono la nostra epoca contemporanea.

Ed è proprio qui che Instabili Vaganti realizzerà una nuova tappa di lavoro del progetto interdisciplinare Beyond Borders, partecipando ad incontri, workshop e scambi interculturali e soprattutto presentando, sabato 7 maggio 2022, lo spettacolo di teatro documentario Lockdown Memory ad una platea di artisti e addetti ai lavori provenienti da ogni parte del mondo.

L’Opera performativa e multimediale racconta l’innovativo processo di lavoro che ha portato alla creazione del progetto ed esprime una profonda riflessione sul ruolo degli artisti e quello del teatro come “finestra sul mondo”, in un momento storico come quello della pandemia e della conseguente chiusura degli spazi destinati allo spettacolo dal vivo. Questa nuova tappa americana del progetto è realizzata con il sostegno del MiC nell’ambito del Bando Boarding Pass Plus, dell’Istituto Italiano di Cultura a Washington DC e di ATER Fondazione.

Conclusa l’esperienza a Washington la Compagnia sarà ospite del prestigioso e ormai storico spazio dell’OFF Broadway La MaMa ETC di New York da martedì 10 a domenica 15 maggio 2022.

Qui la compagnia Instabili Vaganti sarà impegnata in una residenza artistico-creativa “Boundaries of Freedom” che comprende attività di ricerca, lavoro condiviso con artisti statunitensi. La sessione si concentrerà sul teatro come mezzo di espressione della libertà creativa del performer e della capacità di quest’ultimo di intervenire sulla realtà politica e sociale che lo circonda, sia a livello locale sia globale.

Domenica 15 maggio, a conclusione delle giornate, verrà presentata una restituzione del lavoro svolto insieme agli artisti partecipanti e, infine, gli Instabili Vaganti presenteranno per la comunità della MaMa lo spettacolo Lockdown Memory. Anche questa seconda tappa americana di Beyond Borders è realizzata con il sostegno del MiC nell’ambito del Bando Boarding Pass Plus, insieme all’Istituto Italiano di Cultura di New York e di ATER Fondazione.

Beyond Borders è un progetto internazionale di condivisione artistica nato durante il primo periodo di lockdown rigido di marzo-maggio 2020 che prevede momenti di scambio e co-creazione sia dal vivo sia online, al fine di mantenere attivo e vivo il dialogo interculturale fra artisti internazionali. Dal 2021 il progetto ha accolto una prestigiosa rete di partner nazionali ed internazionali che comprende, in Italia, ATER Fondazione, L’Arboreto Teatro Dimora e La Mama Umbria International e, all’estero, importanti Festival e istituzioni culturali come:  La Mama ETC di New York e il Festival Cross Currents di Washington DC negli USA, i Festival FINTDANZ e FITICH in Cile, il Festival FolkCanarias in Spagna, TAFMA,  Festival Hornbill e Ahum Trust in India, Studio Ramli Hassan in Malesia, Centre Culturel Regional de Dakar Blaise Senghor e KËR Théâtre in Senegal.

Il duo artistico multidisciplinare Instabili Vaganti nasce nel 2004 per volontà della regista, performer e artista visiva Anna Dora Dorno e del performer, drammaturgo e film maker Nicola Pianzola e si contraddistingue per l’impegno civile e la ricerca artistica, l’innovazione nel teatro fisico, la sperimentazione nelle arti visive, performative e multimediali, nonché per la propria circuitazione mondiale. Instabili Vaganti ha presentato le sue produzioni e progetti in oltre venti Paesi fra Europa, Americhe, Asia e Medio Oriente, traducendo le proprie opere in tre lingue e collezionando numerosi premi nazionali ed internazionali, fra cui la nomination ai Total Theatre Awards al Festival di Edimburgo.

 

 

 

 

Letto 184 volte

Ultima modifica il Mercoledì, 04/05/2022

Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.