Knock o il trionfo della medicina di Jules Romains al Teatro Le Salette

Knock o il trionfo della medicina di Jules Romains al Teatro Le Salette
Debutterà mercoledì 18 maggio 2022 alle ore 21.00 al Teatro Le Salette - vicolo del Campanile, 14 - la pièce di Jules Romains “Knock o il trionfo della medicina”, adattamento di Alida Castagna, regia di Stefano Maria Palmitessa ed interpretato da Alessandro Laureti, Maria Laura Familiari, Alfonso Brescia, Arina Cazontova, Diana Lenoci, Ezio Provaroni, Lucy Catalano e Mary Fotia.

«I sani sono dei malati che non sanno di esserlo» (Dottor Knock in Knock o il trionfo della medicina)

«Il copione Knock o il trionfo della medicina è stato da me affrontato tenendo presente la “storia” personale che il mio percorso artistico ha prodotto sino a questo momento.  Perché ho ritenuto importante definire fin da principio questo collegamento? Negli anni sono andato, sempre più, convincendomi che lo spazio sia un elemento decisivo nella ricerca registica che mi riguarda. Uno spazio particolare con un boccascena ridotto, gli attori visibili talvolta a mezzo busto in una rappresentazione che trova evidenti precedenti nel cosiddetto “Teatro dei burattini”. Un luogo quindi che potesse consentirmi di poter fare ricorso a interventi a “sorpresa”.  L’azione è quindi limitata a quello che da dietro un grande pannello può essere “rubato”, sbirciato dal pubblico privato della canonica visuale a tutto campo» (Stefano Maria Palmitessa)

Protagonista di questa amara ma esilarante commedia nata dalla penna di Jules Romains è Knock, un medico con una missione speciale: renderci consapevoli del fatto che nessuno è sano fino a prova contraria. Proprio in virtù di tale profonda convinzione - sostenuta anche da un’imponente volontà di lucrare sulla malattia - giunto nel piccolo centro di San Maurice dove ha appena rilevato la condotta medica, Knock riesce, attraverso una sorta di terrorismo psicologico, a trasformare ogni abitante della contea in un malato. Knock ha come principio la conservazione del malato: bisogna conservarlo in modo da poter arricchire il medico ed i suoi complici, fra cui la sbalordita e felice farmacista che può finalmente godere di un reddito di tutto rispetto. I malati di Knock, come le mucche di un allevamento intensivo, hanno un solo compito: quello di produrre a più non posso, non carne, non latte, bensì malattie. È la malattia che fa progredire il mondo.  Bisogna convincere l’umanità che il virus è sempre dietro l’angolo: «La faccia rosea, l’occhietto vispo, che non ci imbroglino, che non ci imbroglino. Sotto la maschera della salute l’asintomatico ti infetta già», canta il goliardico coro presente in scena. Il coro e le canzoni nascono invece dalla penna di Alida Castagna, autrice dell’adattamento del testo. Prostrati ai piedi del medico, lo trasformano in un santone, in un guru, nell’unico grandioso elemento di salvezza.

E Knock se ne compiace: «Guardate un po’ qui!», dice a Parpalaid, il medico che gli ha venduto la condotta. «Dapprincipio questo territorio sembrava non avere bisogno di me. Ma oggi in duecentocinquanta di queste case ci sono duecentocinquanta letti in cui un corpo disteso sta a testimoniare la grande importanza della medicina». «Guardate quelle luci», dice indicando le finestre dei suoi pazienti che lasciano il lumino acceso tutta la notte, «il cantone sembra una specie di firmamento di cui io sono l’incessante creatore. E le campane? Esse sono la voce delle mie ricette. Fra qualche istante suoneranno le dieci e per tutti questi malati le dieci vogliono dire la seconda presa di temperatura rettale. Fra qualche istante duecentocinquanta termometri penetreranno tutti in una volta nei loro deretani».

La medicina ha trionfato, come promesso dal titolo, ma si può dire la stessa cosa dei malati?

 

Stefano Maria Palmitessa e la critica  

«Il Tabulè di Tito, adattamento stravagante e “scorretto” del Tito Andronico di Shakespeare. Tra arte e vita, tableaux vivants e coreografie, teatro espressionista e dell’assurdo, tecniche del teatro dei burattini e trucchi facciali spinti» (RAI Televideo - Culture, 23 aprile 2012).

«L’Offerta di Mirra è un dramma messo in scena con intensità da Stefano Maria Palmitessa» (Natalia Distefano, «Corriere della Sera», 5 aprile 2014)

«La Gatta Cenerentola di Palmitessa, dunque, attraverso i toni della commedia grottesca è in grado di trasmettere il disagio dell’esistenza umana nella continua ricerca di soddisfare i suoi desideri e le sue pulsioni» (Carmen De Sena, «Platea», 19 febbraio 2019).

«Una donna fantasiusa - Un manhattologo, che ha debuttato a New York nel 2018. Ricordi di una donna che si snodano tra la Sicilia dell’infanzia e Manhattan. Scorci di vita narrati in brillanti monologhi» (AA. VV., «Trovaroma» / «la Repubblica», 15 settembre 2019)

 

Knock o il trionfo della medicina di Jules Romains - adattamento: Alida Castagna; regia: Stefano Maria Palmitessa; assistenti alla regia: Viola Creti, Massimo Barbieri; interpreti: Alessandro Laureti, Maria Laura Familiari, Alfonso Brescia, Arina Cazontova, Diana Lenoci, Ezio Provaroni, Lucy Catalano e Mary Fotia; coreografie: Mara Palmitessa; drammaturgia musicale: Giovanna Castorina; produzione: Compagnia Paltò Sbiancato - rimarrà in scena al Teatro Le Salette fino a domenica 22 maggio 2022 (da mercoledì 18 a sabato 21, ore 21.00; domenica 22, ore 17.00 ed ore 21.00.

Letto 258 volte

Ultima modifica il Lunedì, 09/05/2022

Pubblicato in Teatro