Soliloqui poetici del mito: le altre eroine di Elena Arvigo al Tempio di Giove Anxur a Terracina

Soliloqui poetici del mito: le altre eroine di Elena Arvigo al Tempio di Giove Anxur a Terracina
Andrà in scena domenica 30 agosto 2020 alle ore 21.30 presso il Tempio di Giove Anxur - piazzale Loffredo - a Terracina (LT) la pièce di Elena Arvigo “Soliloqui poetici del mito: le altre eroine”, tratta da “Quarta Dimensione” di Ghiannis Ritsos ed interpretata da E. Arvigo.

«Che te ne fai dell’immortalità? Ciò che conta è solo la vita presente. Solida, calda, di carne, di sangue e di seme» (da Soliloqui poetici del mito: le altre eroine)

«Alcune donne di Quarta Dimensione sono “altre” eroine, altre nel senso che, nei racconti solenni, si adagiano talvolta all’ombra di maggiori Signore. Crisotemi, più che di identità propria esisteva come riflesso di Elettra, la sorella estrema; Persefone, la fragile, era la proiezione del desiderio materno di Demetra; Ismene, la sorella mite della “guerriera” Antigone. Ritsos le riesce a riscattare. Di altre donne invece consegnate al mito già in gloria, come Antigone o Elena, mostra le fragilità, le dissacra con ironia e sapienza, restituendogli così quell’umanità celata in ogni lacrima. Il punto è di non ritorno. Nella Quarta Dimensione il mito si estingue, evade dalla sua cornice. Entra la vita, con la sua pienezza ingombrante. E Il tempo continua a ritornare» (Elena Arvigo) 

Si conclude con una prima assoluta la rassegna “R.Estate in Scena”, che ha animato per tutto il mese di agosto 2020 la città di Terracina.

Domenica 30 agosto, nella meravigliosa scenografia del Tempio di Giove Anxur, debutta Soliloqui  poetici del mito: le altre eroine di Elena Arvigo. Lo spettacolo è tratto da Quarta Dimensione del poeta Ghiannis Ritsos (1909-1990) e vuol esser proprio un omaggio alla sua poetica.

Quarta Dimensione è una raccolta formata da diciassette poemi brevi ispirati alla mitologia che G. Ritsos consacra ad alcune figure del mistero ellenico, fuori dal tempo, al limitare della quarta dimensione. Lo scenario è mitologico, ma il poeta - che infrange le didascalie riuscendo così ad aprire spiragli sulla quarta dimensione - e la sua memoria individuale sono presenti in ogni verso. Troia, Tebe, Argo sono allusivi archetipi dell’insensata catena di guerre, rivoluzioni e fratricidi di ogni epoca.  

Il poeta realizza un’opera di restauro mitologico, di finezza e precisione senza eguali. G. Ritsos dissacra, svela i segreti, va oltre il dato mitico e completa così il disegno.

La forma dei poemetti - quella del monologo drammatico - sottolinea la destinazione che l’autore aveva immaginato per le sue poesie: il teatro, inteso come luogo di incontro dei membri di una comunità, di espressione di un pensiero sulla realtà in grado di agire sulla coscienza degli spettatori e di incentivarne l’azione politica.

Il teatro diventa così destinazione e mezzo per restituire la voce di G. Ritsos, il luogo in cui qualcuno resiste e dove è possibile rinnovare il racconto della storia umana, della bellezza dell’uomo.

I nomi sono perduti nel passato: Fedra, Antigone, Demetra, Menelao, Elena. Di loro rimangono solo parole e statue, ma, finché le ricorderemo, il tempo continuerà a tornare e non saremo soli.

 

Elena Arvigo, interprete sensibile e raffinata, dà voce alle maggiori eroine, alle loro anime ed alle loro storie, caricandole di poesia e di vita. Una mise en space che si fonde perfettamente con la scenografia naturale del Tempio, lo abita e lo riveste di mitologia.

 

Lo spettacolo Soliloqui poetici del mito: le altre eroine di Elena Arvigo (regia: E. Arvigo; interprete: E. Arvigo), omaggio al poeta Ghiannis Ritsos - del quale nel novembre 2020 ricorrerà il trentesimo anniversario della scomparsa - andrà in scena al Tempio di Giove Anxur di Terracina domenica 30 agosto 2020. L’evento si svolgerà - come tutti gli altri eventi della rassegna “R.Estate in Scena” - nel rispetto di tutte le norme anti Covid in vigore.

Letto 599 volte

Ultima modifica il Mercoledì, 26/08/2020

Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI