Ultimi giorni per 39 scalini di John Buchan al Teatro Roma

Matteo Cirillo, Diego Migeni, Marco Zordan e Alessandro Di Somma Matteo Cirillo, Diego Migeni, Marco Zordan e Alessandro Di Somma
Sarà ancora in scena venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 novembre 2018 al Teatro Roma - via Umbertide 3 - la pièce “39 scalini” di John Buchan (adattamento di Patrick Barlow, regia di Leonardo Buttaroni, interpretata da Marco Zordan, Alessandro Di Somma, Matteo Cirillo e Diego Migeni), che ha debuttato lo scorso martedì 23 ottobre registrando ogni sera grandissima affluenza di pubblico.

Il protagonista dell’opera è Richard Hannay, un misterioso uomo d’affari intrappolato in un giallo apparentemente senza uscita ed interpretato, come da copione, da un solo attore, mentre gli altri trentotto personaggi ruota vorticosamente attorno a tre attori in un fuoco di fila di esilaranti gags, intrighi, colpi di scena e citazioni cinematografiche che rendono lo spettacolo irresistibilmente coinvolgente e suggestivo.

“Intrighi internazionali”, complotti criminali, donne seducenti, un giallo sottile ed esilarante tutto giocato sulle gags e sui travestimenti e che rende omaggio ad un grande e indiscusso maestro del cinema e, nello stesso tempo, strizza l’occhio alla commedia inglese contemporanea.

39 scalini, firmato dall’attenta regia di Leonardo Buttaroni, arricchita dalle scenografie di Paolo Carbone, e già portata in scena su vari palcoscenici (fra cui il Teatro Trastevere nel marzo 2016 ed il Teatro de’ Servi nel dicembre/gennaio 2017) riprende l’opera scritta da Patrick Barlow nel 2005, tradotta per l’Italia da Antonia Brancati e nata per un cast di quattro attori chiamati a recitare - a volte anche contemporaneamente - numerosi personaggi dalle caratteristiche più differenti:

Una vertiginosa corsa fino all’ultimo travestimento dai ritmi narrativi serrati ed incalzanti che conserva la ricchezza di sfumature dettagli e sottigliezze psicologiche della versione cinematografica diretta da Alfred Hitchcock nel 1935 (The 39 Steps - I trentanove scalini, conosciuto anche con il titolo Il club dei 39, interpretato da Robert Donat, Madeleine Carroll, Lucie Mannheim e Godfrey Tearle e considerato - insieme ai quasi coevi L’uomo che sapeva troppo – la prima versione -, Amore e mistero, Sabotaggio, Giovane e innocente e La signora scompare - uno fra i capolavori della fase britannica della carriera di Hitchcock), di cui riprende l’umorismo acuto e graffiante, l’alta tensione e la suspense.

L’omaggio al “Maestro del Brivido” è perfettamente riuscito e nella versione teatrale di 39 scalini anche il thriller riesce a lasciare il suo segno. Alta tensione e suspense si fondono con una brillante, serrata e spassosa messinscena.

Eccezionale la verve e l’abilità dei quattro attori nel partecipare in tutto e per tutto e nel collaborare ai rapidi cambi scenografici, vestendosi e travestendosi sul palcoscenico, passando da un ruolo all’altro con ottima gestione dei tempi e caratterizzando i numerosi personaggi con gestualità mimiche facciali e cadenze sempre differenti ed interpretando sovente più personaggi all’interno della medesima scena. I quattro sono Marco Zordan, direttore artistico del Teatro Trastevere, regista di Radice di due - scritto da Adriano Bennicelli, interpretato da Viviana Colais e Luca Basile ed in scena al Teatro Trastevere da martedì 6 a domenica 11 novembre 2018, nonché interprete - insieme a V. Colais, L. Basile, Stefania Autuori, Yaser Mohamed, Valerio Di Benedetto, Alessandro Marverti e Gabriele Pignotta - di Che Disastro di Commedia, versione italiana di The Play that Goes Wrong, scritto da Henry Lewis, Jonathan Sayer e Henry Shields per la regia di Mark Bell, un successo teatrale partito da Londra nel 2014,  esportato in tutto il mondo fino a Broadway,  e giunto al suo terzo anno consecutivo di tournée nei più noti teatri italiani),che interpreta Richard Hannay, Alessandro Di Somma, Matteo Cirillo e Diego Migeni, i quali si dividono i rimanenti trentotto ruoli (buoni, cattivi, uomini, donne e perfino oggetti inanimati)

39 scalini di John Buchan (adattamento: Patrick Barlow; regia: Leonardo Buttaroni; interpreti: Marco Zordan, Alessandro Di Somma, Matteo Cirillo, Diego Migeni; scenografia: Paolo Carbone) sarà in scena al Teatro Roma fino a domenica 4 novembre 2018.

 

 

 

Letto 1284 volte

Ultima modifica il Domenica, 25/09/2022

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.