Esserci per la verità. La rete abbraccia il Premio Ilaria Alpi

Da mercoledì 15 a sabato 18 giugno Riccione ospita la 17esima edizione del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, la manifestazione promossa dall'associazione Ilaria Alpi in memoria della reporter e inviata del TG3 uccisa nel 1994 a Mogadiscio insieme all'operatore Miran Hrovatin.

premio-ilaria-alpi

Da mercoledì 15 a sabato 18 giugno Riccione ospita la 17esima edizione del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, la manifestazione promossa dall'associazione Ilaria Alpi in memoria della reporter e inviata del TG3 uccisa nel 1994 a Mogadiscio insieme all'operatore Miran Hrovatin. Al centro di questa edizione i fatti che hanno sconvolto il mondo arabo. Il Premio sarà soprattutto approfondimento e riflessione, con la proiezione delle 27 video-inchieste finaliste, selezionate tra le 275 in concorso. 

«Il premio ha sempre cercato di far emergere il giornalismo di inchiesta, di ricerca e di denuncia che c'è in Italia nel nome di Ilaria Alpi. E poi ha documentato diciassette anni di impegno e di sostegno per laverità e la giustizia», ha dichiarato Francesco Cavalli, direttore del Premio Ilaria Alpi. «Sono passati diciassette anni, lunghissimi e troppi per avere giustizia. Però abbiamo raccolto una serie diinformazioni che ci fanno dichiarare che Ilaria è stata uccisa con un agguato premeditato e il movente è legato alle inchieste che stava portando avanti. Ci aspettiamo che la magistratura faccia il suo dovere e arrivi alla verità giudiziaria», ha affermato Mariangela Gritta Grainer, portavoce dell’Associazione Ilaria Alpi. «Il Premio Ilaria Alpi è diventato un premio internazionale molto importante: è servito per cercareverità e giustizia, che ancora non ci hanno dato. Ilaria era molto orgogliosa di essere entrata in Rai e di fare il suo lavoro», precisa Luciana Alpi, mamma di Ilaria.

{{google}}

{{alpi}}

Pubblicato in Tecnologia
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

Camera ardente David Sassoli

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI