L’anti iPad di Amazon

L'azienda fondata da Jeff Bezos intende combattere Apple anche sul fronte dei tablet. Il nuovo dispositivo avrà uno schermo da nove pollici e userà il sistema operativo di Google, Android.

Amazon-padL'azienda fondata da Jeff Bezos intende combattere Apple anche sul fronte dei tablet. Il nuovo dispositivo avrà uno schermo da nove pollici e userà il sistema operativo di Google, Android.
La notizia è apparsa prima su Twitter e poi sulle pagine on-line del Wall Street Journal: Amazon, il colosso del commercio elettronico, ha intenzione di lanciare prima di ottobre un anti iPad. Non si tratterebbe di una nuova versione del Kindle, il suo lettore di libri digitali, ma di un vero e proprio tablet con schermo tattile da nove pollici. Di dimensioni simili quindi a quelle del dispositivo Apple; non avrà la macchina fotografica integrata e userà come sistema operativo Android di Google. Altra notizia che, se confermata, ha un peso non da poco nell'ottica delle tante guerre commerciali che infuriano fra i giganti del web e dell'elettronica di consumo americani.
Una mossa necessaria, se si pensa che - stando alle previsioni - nel 2012 verranno acquistati almeno 70 milioni di tablet contro i 40 del 2011. Per il 2015 si parla di circa 140 milioni di pezzi. Una enormità. Se queste previsioni di dovessero rivelarsi azzeccate, solo gli smartphone venderanno di più. Non a caso perfino la Nintendo, con la Wii U, intende cavalcare l'onda.

 

{{google}}

Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

Meloni riceve i sindacati

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.