La convenzione Rai 2016: un nuovo patto con gli italiani

Gian Maria Fara Gian Maria Fara M. Riccardi © Agr
Il Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, parteciperà il 15 amggio al convegno promosso nella Sala degli Arazzi di Viale Mazzini 14, Roma, alle ore 10.00 dall’Università Telematica Internazionale Uninettuno e da RaiSenior sul tema: “La Convenzione Rai 2016: un nuovo patto con gli italiani”, nell’ambito della Settimana delle Scienze della comunicazione.

Dopo l’apertura dei lavori del Presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, il saluto del Presidente di Rai Senior, Luigi Pierelli, e la relazione introduttiva del Rettore dell’Uninettuno, Maria Amata Garito, si esprimeranno le voci delle diverse competenze in campo. Coordinati dal sociologo della comunicazione Gianpiero Gamaleri, ex consigliere di amministrazione Rai, interverranno per il profili giuridici Beniamino Caravita di Toritto, per quelli istituzionali Antonio Catricalà, per gli aspetti gestionali Rodolfo De Laurentiis, per l’analisi della domanda sociale Gian Maria Fara, per gli aspetti di etica della comunicazione Mons. Dario Edoardo Viganò e Andrea Melodia, per l’informazione Vittorio Di Trapani, per innovazione tecnologica Luigi Rocchi, per la programmazione Marida Caterini, per l’immagine Pasquale Alfieri. Chiuderà i lavori il Sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli.

L’incontro è aperto al contributo di studiosi, dirigenti e giornalisti della Rai e di altre istituzioni interessati a delineare il quadro futuro di un servizio pubblico radiotelevisivo e web che sia aderente alle esigenze sociali, informative e di crescita culturale dei cittadini.

La convenzione del 15 marzo 1994 che dovrà essere rinnovata, ha riguardato, tra l’altro, l’esercizio del servizio a beneficio di tutti i cittadini, l’utilizzazione degli impianti, la pubblicità, la tutela dei minori, la ricerca e la sperimentazione, i messaggi di utilità sociale, l’equilibrio economico dell’impresa ed altri aspetti di servizio universale.

Pubblicato in Tecnologia

Fotonews

La Pellicola d'Oro 2022