Obama contro la censura, rete 'ombra' per i dissidenti

L'esportazione della democrazia con Barack Obama non passa più solo attraverso le armi: oggi, gli Stati Uniti, per abbattere i regimi autoritari, puntano molto sulla libera diffusione di Internet. La 'primavera araba', durante la quale i veri protagonisti sono stati i blogger e i social network, ha dimostrato che difendere la rete, in giro nel mondo, e' ormai il modo migliore per aiutare i dissidenti ad aggirare la censura.

internet-dissidentiL'esportazione della democrazia con Barack Obama non passa più solo attraverso le armi: oggi, gli Stati Uniti, per abbattere i regimi autoritari, puntano molto sulla libera diffusione di Internet. La 'primavera araba', durante la quale i veri protagonisti sono stati i blogger e i social network, ha dimostrato che difendere la rete, in giro nel mondo, e' ormai il modo migliore per aiutare i dissidenti ad aggirare la censura.

La Casa Bianca sta facendo grandi sforzi, anche finanziari, per creare collegamenti internet e di telefonia mobile "fantasma", in modo da dare nuova forza alle rivolte contro i dittatori in giro nel mondo che, non a caso, appena possono colpiscono il dissenso bloccando la rete e le telecomunicazioni. Gli USA hanno già speso almeno 50 milioni di dollari per creare una rete indipendente di telefonia mobile in Afghanistan, usando i ripetitori delle basi militari nel paese. L'operazione e' mirata a contrastare l'abilita' dei talebani a spegnere le telecomunicazioni afghane ufficiali. Il governo americano, inoltre, sta finanziando la creazione di reti wireless nascoste per permettere agli attivisti di comunicare oltre la portata dei governi in paesi come Iran, Siria e Libia. Un altro progetto riguarda lo sviluppo di ''internet in valigia'', una sorta di kit on-line, portatile, in grado di essere contrabbandata oltre confine e attivata per permettere comunicazioni wireless collegate alla rete Internet mondiale. I piani hanno ricevuto un'accelerazione dopo che il regime egiziano di Mubarak ''spense'' la rete durante le proteste all'inizio di quest'anno.

E anche nelle ultime settimane, anche il governo siriano ha più' volte temporaneamente sospeso gran parte dell'Internet nel Paese, in modo da ostacolare la diffusione della protesta e la mobilitazione dei dissidenti.

{{google}}

Pubblicato in Tecnologia
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

Premio Guido Carli 2021

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI