Pinterest, il social media del 2012

Autorevoli osservatori lo hanno già catalogato come il fenomeno social del 2012, guardando i numeri qualche primato Pinterest lo ha già conquistato. La piattaforma che permette di commentare e condividere i contenuti preferiti (principalmente visuali, quindi foto e video) viene citata da blog e magazine specializzati come la vera novità dell'anno appena cominciato.

 pinterest-agr

Autorevoli osservatori lo hanno già catalogato come il fenomeno social del 2012, guardando i numeri qualche primato Pinterest lo ha già conquistato. La piattaforma che permette di commentare e condividere i contenuti preferiti (principalmente visuali, quindi foto e video) viene citata da blog e magazine specializzati come la vera novità dell'anno appena cominciato.

Il sito è stato uno dei primi ad utilizzare il concetto di push-botton per creare una struttura di contenuti curati, chiamati board (lavagne), e ciò permette agli utenti di collezionare contenuti presenti ovunque sul Web, oltre che quelli di altri utenti di Pinterest. Il gioco è semplice: si naviga, si trova una foto o un video che secondo noi vale la pena di rilanciare o anche solo di aggiungere alla nostra lavagna e si condivide con un clic sul bottone Pin it (precedentemente aggiunto alla barra dei segnalibri).

La chiave del successo sembra essere quella di aver bene interpretato lo spirito dei tempi, almeno per quanto riguarda l'ambito dei social. Con gli utenti sempre meno propensi a produrre contenuti, e molto più propensi invece a consumarli in modo strutturato, Pinterest potrebbe configurarsi come nuova frontiera del modo di scovare e diffondere contenuti in Rete. Grazie anche al fatto di essere una piattaforma particolarmente adatta ai contenuti visuali, Pinterest per adesso si focalizza soprattutto su argomenti come il design, l'architettura, la moda e la cucina. E per i venditori online si tratta già di una miniera d'oro, stando agli ultimi dati.

Nato in California due anni fa e ancora accessibile solo tramite invito, Pinterest a fine 2011 ha superato colossi del calibro di Google+ e Tumblr nella classifica relativa al traffico ed è entrato nella top ten dei social network. Come era prevedibile il successo della piattaforma ha scatenato gli appetiti dei big del Web, e proprio Big G ha manifestato recentemente un forte interesse all'acquisto.

Pubblicato in Tecnologia
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

Green pass, in migliaia a Roma contro l'obbligo

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI