Addio a William Link, creatore di Il Tenente Colombo e La signora in giallo

Una scena di "Il terzo proiettile", episodio di "Il Tenente Colombo" Una scena di "Il terzo proiettile", episodio di "Il Tenente Colombo"
È morto a Los Angeles all’età di ottantasette anni il grande scrittore, sceneggiatore e produttore televisivo americano, noto per aver creato - insieme a Richard Levinson, scomparso nel 1987 a soli cinquantadue anni - i celebri personaggi del Tenente Colombo e della scrittrice di libri gialli Jessica Fletcher (la “signora in giallo”).

Nato a Philadelphia - in Pennsylvania - nel dicembre 1933, William Theodore Link - meglio noto come William Link - si diploma alla University of Pennsylvania, Wharton School of Business prima di servire l’esercito americano dal ’56 al ’58.

 William Link e Richard Levinson (1934-1987) si conobbero il primo giorno di scuola superiore. Molto presto cominciano a scrivere assieme e vendono la loro prima storia breve, Whistle While You Work, a «Ellery Queen Mystery Magazine», che la pubblica nel novembre 1954.  

All’inizio degli anni Sessanta scrivono un episodio di The Alfred Hitchcock Hour dal titolo Day of Reckoning (1962), tratto da uno scritto di John Garden.

Insieme, fra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli  Ottanta creano e producono serie televisive poliziesche come Mannix (1968-74), Il Tenente Colombo (un film tv nel 1968, un altro nel 1971 e sette stagioni - per un totale di circa quarantacinque episodi dal 1971 al 1978), Ellery Queen (1975-77) e La signora in giallo (1984-97).

Collaborano anche per film tv come The GunMy Sweet CharlieThat Certain SummerThe Judge and Jake Wyler The Execution of Private Slovik,Charlie Cobb: A Nice Night for a Hanging, e Blacke's Magic, che verrà poi sviluppato poi nella serie Blacke's Magic.

Per il cinema scrivono The Hindenburg (1975) di Robert Wise, con George C. Scott e Rollercoaster - Il grande brivido (1977) di James Goldstone, con George Segal, Richard Widmark, Henry Fonda ed una giovanissima Helen Hunt (al suo esordio cinematografico).

Levinson e Link occasionalmente usarono lo pseudonimo “Ted Leighton”, visibile negli accrediti di Ellery Queen: Don't Look Behind You (1971), riscritto da altri, e Colombo con storie scritte da altri collaboratori.

Dopo l’improvvisa scomparsa di Richard Levinson, avvenuta nel marzo 1987 a soli cinquantadue anni, W. Link continua a scrivere. Nel ’91, come omaggio all’amico e collega, scrive la sceneggiatura del film The Boys, con James Woods e John Lithgow.

Ha collaborato con «Ellery Queen’s Mystery Magazine» e «Alfred Hitchcock’s Mystery Magazine». Altre produzioni televisive sono la serie fantascientifica Probe (1988-89), creata con Isaac Asimov, e The Cosby Mysteries (1994-95), con Bill Cosby.

Nel ’79, Levinson e Link avevano ricevuto il premio speciale Edgar Award dalla Mystery Writers of America per il loro lavoro su Ellery Queen e Colombo.

Negli anni Ottanta vincono tre volte il premio Edgar per Best TV Feature or MiniSeries Teleplay, e nel 1989 viene conferito l’Ellery Queen Award, come miglior gruppo di scrittori di mistero.

Nel ’95 vengono inseriti nella Television Academy Hall of Fame.

A partire dagli anni Novanta William Link,  considerato quasi all’unanimità come uno fra i migliori autori di soggetti e sceneggiature poliziesche per la tv della sua generazione, ha insegnato Sceneggiatura televisiva in numerose scuole degli Stati Uniti; nel 2002 viene nominato presidente della Mystery Writers of America, uno fra i pochi conferiti ad uno scrittore per la televisione; nel 2010, la casa editrice Crippen & Landru pubblica la serie The Columbo Collection, racconti brevi scritti da W. Link sul personaggio del Tenente Colombo.

Il teatro presso la California State University di Long Beach (il William Link Theatre) è stato intitolato a lui per via delle sue numerose donazioni.

Pubblicato in Televisione

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI