Dermart 2014: pelle come tela d'autore

Convegno Dermart a Palazzo Poli Convegno Dermart a Palazzo Poli M. Paoloni © Agr
Osservare e descrivere le malattie della pelle con 'occhio artistico', cercando di trovare un linguaggio comune per interpretare, dare nuovi significati e alleviare sofferenze e inestetismi cutanei.

Con questi obiettivi si e' svolto a Roma il Convegno Dermart 2014, giunto alla sesta edizione, che ha visto dermatologi, cosmetologi, appassionati d'arte, pittori, storici e critici d'arte, riuniti in una due giorni di studio, ricerca e confronto, per indagare gli elementi comuni tra dermatologia clinica e arti visuali.

Sono stati affrontati temi come i diversi modi d'invecchiare della pelle e delle cure possibili nel tempo, approfonditi i segreti dei cibi che aiutano a guarire le malattie cutanee e quelli che al contrario fanno danni, come utilizzare al meglio il vino e come l'arte puo' aiutare persino a sconfiggere la cellulite.

"Il dermatologo, oltre a saper curare i cambiamenti patologici e aiutare a prevenire quelli legati al tempo e alle cattive abitudini, deve affinare la propria capacita' di interpretare i dettagli dei cambiamenti della pelle come i critici d'arte fanno quando lavorano sulle proprie tele", spiega Massimo Papi, direttore del convegno e dermatologo dell'Idi di Roma.

"Per valutare le manifestazioni strane e stupefacenti della pelle, come spiego anche nel mio nuovo libro 'Ma perche' la pelle invecchia?', abbiamo anche 'giocato', allenandoci a interpretare i particolari dei ritratti d'arte famosi ipotizzando poi potenziali diagnosi e storie cliniche e permesso a giovani dermatologi e artisti di lavorare insieme in laboratori coordinati da personaggi del mondo dell'arte, per comprendere quanto affascinante e reale possa essere il legame e il rapporto tra scienza e arte".

Pubblicato in Varie

Fotonews

Camera ardente David Sassoli

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI