Il Busker Festival di Carpineto Romano giunge alla sua XXIV edizione

Dal 1990 a oggi, ogni 25 e 26 agosto le strade di Carpineto Romano si animano di arte di strada, quell’arte in grado di abitare ogni angolo urbano.

basker-fest-agrpress

Dal 1990 a oggi, ogni 25 e 26 agosto le strade di Carpineto Romano si animano di arte di strada, quell’arte in grado di abitare ogni angolo urbano. In piena tradizione “baschera”, dando vita a una festa unica di musica e colori, quest’anno tutto si svolgerà nel ricordo di chi del Busker Festival – da vero artista di strada – è stato protagonista indimenticato negli anni: Franco Fosca, prematuramente scomparso pochi mesi fa.

Ospiti di quest’edizione, saranno come sempre giocolieri, artisti di strada, performer ma soprattutto musici. “L’arte di strada, infatti, non conosce limiti di genere” spiega l’Assessore alle Politiche Culturali Matteo Battisti “è un’arte semplice che nasce dalla bellezza e della natura e dalle capacità del performer – sia esso acrobata e musicista – che cattura e ammalia dai giovani alle famiglie, ai bambini, rendendo essi stessi parte integrante del gioco e dello spettacolo e restituendo una dimensione artistica a portata di tutta la cittadinanza”.

Ed è proprio la cittadinanza l’altro volto della festa e dell’arte “baschera” che anche quest’anno troverà tra i vicoli accoglienti di Carpineto Romano un rifugio dalle città che ormai hanno poco da offrire e un ritrovo d’arte e sorrisi. Così secondo lo spirito che diede vita al Festival Busker di Carpineto 24 anni fa.

“L’arte di strada nasce per il popolo e nel popolo trova la sua forza” continua il Sindaco di Carpineto Quirino Briganti, “lungi da essere un'invenzione delle proloco di questi ultimi anni, ha le sue origini nel Medioevo  e nel  Rinascimento, quando i “bascheri” arrivavano nella nostra comunità destando stupore e meraviglia agli occhi ignari della popolazione. Quelle suggestioni vengono oggi riproposte negli stessi luoghi, e l’antico centro storico, dove i nostri avi, attraverso l’arte di strada, scoprirono il teatro, la musica e le fantasie dei giocolieri.” 

Senza venir meno a quella che ormai è un’antica tradizione, quest’anno il 25 e il 26 agosto le strade e i panorami di Carpineto Romano si animeranno così di performer e musici che, con la direzione artistica di Scuderie Martelive, proporranno commistioni artistiche intelligenti e uniche: dalle acrobazie “culinarie” degli Acrocuochi, fino ai giochi di fuoco con Il Chiostro e Il Giardino di Nasi, poi ancora la mescla metropolitana di slapstick, danza voce e clown di Noeppo e Ciui…e molti altri.

Pubblicato in Varie

Fotonews

Manifestazione contro le botticelle a Roma