La “pozione magica” del Salone del cioccolato di Parigi

“Perché il cioccolato è magico?” è la domanda tanto golosa quanto esistenziale a cui cercherà di dare una risposta il Salone del cioccolato di Parigi, che apre le sue porte dal 30 ottobre al 3 novembre. 

salon-du-chocolat

“Perché il cioccolato è magico?” è la domanda tanto golosa quanto esistenziale a cui cercherà di dare una risposta il Salone del cioccolato di Parigi, che apre le sue porte dal 30 ottobre al 3 novembre. Un viaggio alle origini del suo mito, attraversando l’universo fiabesco del passato e contemporaneo: dalle pozioni degli aztechi che ne riconoscevano le virtù medicinali alle innovazioni  cosmetiche dei nostri giorni.  Il Salone del cioccolato di Parigi tenterà di decriptare il potere unico di questa “pozione magica”, consumata in tutto il mondo, attraverso conferenze, esposizioni, workshop e dimostrazioni di pasticceria e la sua famosa sfilata di abiti in cioccolato.

Come ogni anno, originali creazioni di moda - vere e proprie opere d’arte scolpite nel cioccolato bianco, al latte e fondente - vengono indossate dalle modelle per un defilé unico al mondo, che inaugura la manifestazione, a cui ne seguono altri più “piccoli” durante la durata del salone oltre a un’esposizione di quest’abiti “golosi”.

Per quest’edizione 2013, gli ospiti del salone, neofiti ed appassionati, dilettanti come professionisti, potranno nuovamente trovare le loro marche ed artigiani preferiti, confrontarsi con le figure emblematiche della professione, scoprire e gustare i nuovi prodotti e le specialità, arricchire la propria cultura.

Il pubblico potrà cercare di scoprire alcuni dei segreti che i “maîtres chocolatiers” custodiscono gelosamente. Dietro un quadretto di cioccolata si nascone, infatti, un universo di professionalità artiginali riunite per sciolgersi in bocca.

I misteri del cioccolato, declintato in centinaia di modi grazie alla partecipazione - su 20.000 m2 d’esposizione - di  quasi 250 professionisti internazionali del settore provenienti da Belgio, Svizzera, Giappone, Danimarca, Vietnam, Italia, Libano, per citarne i più rappresentativi.   

Professionisti del gusto, noti specialisti, artigiani-cioccolatai, avventurieri del cioccolato, storici del cacao, scrittori, capi pasticceri, tutti condivideranno la loro esperienza nell’universo del cioccolato. Il famoso cioccolataio belga, Pierre Marcolini permetterà al pubblico di effettuare un’immersione nelle fabbricazione “fiabesca” del cioccolato, realizzando dei piccoli miracoli sotto gli occhi degli spettatori, attraverso tutte le tappe di fabbricazione che permettono di trasformare  la fava di cacao in cioccolato.

Camminando lungo i numerosi stand, impossibile non cedere alla tentazione, l’essenziale è non colpevolizzarsi, perché oggi più che mai è importante un po’ di magia.

Cristina Biordi

Pubblicato in Varie

Fotonews

Camera ardente David Sassoli

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI