Numerosi gli incontri per il Food Innovation Program all' Expo Milano 2015

Numerosi gli incontri per il Food Innovation Program all' Expo Milano 2015
In occasione dell’ Expo Milano 2015, Food Innovation Program, il master promosso da Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, ha organizzato una ricca serie di incontri dal 23 al 27 marzo 2015.

Provengono da tutto il mondo gli studenti e i docenti del master Food Innovation Program (FIP), promosso da Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Institute For The Future di Palo Alto e Future Food Institute di Bologna e supportato da Reggio Emilia Innovazione.

Obiettivo del progetto è la realizzazione di un master sul Food Innovation che abbracci tutti gli aspetti dell’innovazione sul cibo, un impegno suddiviso tra parte teorica e laboratori, seguiti da docenti, opinion leader e imprenditori provenienti da tutto il mondo e che oggi rappresentano i maggiori esperti in tema di cibo e innovazione; mappare le tecnologie critiche per plasmare l’agricoltura, la distribuzione alimentare, la vendita al dettaglio e il consumo – con particolare riguardo alla sicurezza degli alimenti, la socialità e il controllo; diffondere e sviluppare innovazioni radicali nel settore; alimentare secondo le linee individuate dal framework “Seeds of Disruptions” dell’Istitute for the Future di Palo Alto.

Numerosi gli ospiti e i seminari previsti per la settimana da lunedì 23 a venerdì 27 marzo 2015 che vedranno impegnati al Food Innovation Center/ Palazzo dei Musei di Reggio Emilia (via Spallanzani 1) gli studenti, provenienti da Kenya, Congo, Zimbabwe, Canada, USA, UK, Brasile, Mexico, e Italia con la supervisione e il coinvolgimento di docenti, opinion leader e imprenditori provenienti da tutto il mondo.

Si inizia lunedì 23 con Pietro Scapinelli, chef e fondatore de “La Congrega dei Liffi”, con il seminario "Making bread”. Si prosegue martedì 24 marzo con Massimo Pellegrini, UNIMORE, docente di “ Nutrizione” e  Alessio D'Antino, CEO di Crowdfooding.co, che terrà un incontro (crowdfunding: strategie del settore alimentare) gratuito aperto al pubblico parte del Food Innovation Program on the road.

Si prosegue, (mercoledì 25 marzo) con Matthew Lange, UC Davis, docente di "Food&Health", e (giovedì 26 marzo) Daniela Barile, UC Davis, che terrà invece un seminario dal titolo “Personalizing Foods”. 

Sempre nella giornata di giovedì 26 marzo alle ore 18.00, l’appuntamento con la città per “Food is a conversation” con Matthew Lange e Daniela Barile. 

Venerdì 27 marzo il Food Innovation Program (FIP) sarà ospite dell'evento “Seeds &Chips” presso il MiCo Centro Congressi di Milano, il primo salone internazionale dedicato all' innovazione digitale, alle aziende e startup digitali nella filiera agroalimentare ed enogastronomica. Cibo e territorio, soluzioni per i paesi in via di sviluppo, sostenibilità e lotta agli sprechi, tracciabilità e sicurezza alimentare saranno solo alcuni dei temi che vedranno coinvolti docenti e studenti del master in veste di speaker.

Francesco Bombardi alle ore 10.15 interverrà nel panel “Technology for transforming Food” e a seguire Matteo Vignoli parlerà di “Internet of Food and Big Data”.

Le “storie” e le esperienze degli studenti saranno invece i protagonisti degli speech del pomeriggio con Benedicte Mundele e Chiara Cecchini. Benedicte Mundele interverrà nel panel “Internet of Food per i paesi in via di sviluppo”, mentre Chiara Cecchini interverrà insieme a Matthew Lange su “Cibo e salute: tracciabilità, cognitive cooking, precision cooking”.

Food Innovation Program è uno dei punti di eccellenza di We A.Re / Reggio Emilia per Expo Milano 2015, il programma di eventi costruito dal Sistema Reggio Emilia in occasione dell'Esposizione Universale di Milano.Tra i sostenitori di Food Innovation Program vi è la Fondazione Pietro Manodori della Cassa di Risparmio di Reggio Emilia.

Tanti i partner internazionali coinvolti, a partire dal Google Food Team, Bologna Business School, Food Tech Connect e Aretè knowledge partner del progetto, Food Tank, e numerose aziende coinvolte come Barilla, Mars, Saclà, Nuova Castelli, Havi Logistic, Kamer, Coop Nordest, CoopBox, Laurent-Perrier Italia, e partner tecnici come Smeg, Angelo Po, Paderno, Moving Wall, Workline Store, Stilla 3D, DQUID-IO.

Pubblicato in Varie

Fotonews

La Pellicola d'Oro 2022