Reggio Top Jazz Festival

Fervono gli ultimi preparativi della grande kermesse musicale che, anche quest'anno dal 3 al 7 di Giugno al teatro "Francesco Cilea", regalerà al popolo dello Stretto per cinque serate, una full immersion nell'affascinante "pianeta" del jazz. 


Fervono gli ultimi preparativi della grande kermesse musicale che, anche quest'anno dal 3 al 7 di Giugno al teatro "Francesco Cilea", regalerà al popolo dello Stretto per cinque serate, una full immersion nell'affascinante "pianeta" del jazz. La kermesse musicale, organizzata dall'Associazione Culturale Jonica in collaborazione con l'Amministrazione Comunale e la rivista nazionale "Musica Jazz", ospiterà nella culla dell'arte reggina, i migliori musicisti del jazz italiano e grandi big del panorama musicale internazionale con i quali, il pubblico esplorerà la storia del jazz seguendo le molteplici tracce e riannodando gli innumerevoli fili di una delle espressioni musicali più ricche e complesse della storia dell'uomo.

Ad aprire la prima serata il compositore Franco D'Andrea Quintetto accompagnato dal trombettista Gianluca Petrella e dal sassofonista Daniele D'Agaro, seguiti poi, da Lydian Sound Orchestra, fondata e diretta da Riccardo Brazzale. In seconda serata, la scena sarà tutta del compositore Riccardo Brazzale, apprezzato dalla critica per il suo talento e la passione espressa in ogni composizione. Il 4 Giugno invece, apriranno la serata la cantante Maria Pia De Vito accompagnata al pianoforte da Huw Warren, e il musicista Gabriele Mirabassi. Il 5 sarà poi, la volta del gruppo italiano Quintorigo che esplorerà il variegato panorama musicale passando dalla melodia classica a quella rock, dal jazz al pop, e degli Apogeo che metteranno in luce la tradizione jazzistica e la tecnica dello strumento, oltre che una straordinaria inventiva.

Sabato 6 Giugno, il palcoscenico del Cilea sarà impreziosito da Antonello Salis, Michel Godard e dalla musica araba di Rabih Abou-Hall e il suo Fado Project mentre chiuderà l'intera kermesse, domenica sera, il musicista Livio Minafra e i Genes & Jeans Tour con l'incredibile voce dell'artista israeliana Noa.

Tutti i musicisti si avvarranno per evidenziare la trasformazione che nel tempo, ha mutato profondamente l'aspetto del jazz, del valore della strumentazione tipica del genere musicale che avrà come nucleo una sezione ritmica costituita da pianoforte, contrabbasso, batteria e chitarra. Su questa base ritmica si appoggia una grande varietà di strumenti melodici: da quelli più jazzisticamente consolidati, come il sassofono e la tromba, a quelli solo sporadicamente presenti, come il violino o il flauto.

Oggi il jazz è un linguaggio internazionale, aperto a molte influenze e carico di potenzialità, potenzialità che per cinque splendide serate, saranno regalate a Reggio Calabria.

 

Pubblicato in Varie

Fotonews

Paillettes sorridenti

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI